Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crack Lehman, in arrivo la prima tranche di rimborsi

ROMA
A tre anni e mezzo dal crack di Lehman Brothers Holding (Lbhi), arrivano buone notizie per i creditori della banca statunitense finita in Chapter 11 – la legge americana sul fallimento – nel settembre 2008. Ieri, infatti, è cominciata la prima tranche di rimborsi che segna di fatto l’entrata in vigore del piano di ristrutturazione votato dai creditori ammessi al passivo e omologato dal tribunale di New York il 6 dicembre scorso.
Con questa prima tornata le società del gruppo Lehman distribuiranno circa 22,5 miliardi di dollari per 12mila singoli pagamenti. In realtà, i fondi a disposizione ammontano a 26,9 miliardi, ma 4,4 miliardi saranno accantonati per i crediti contestati. Altri 6 miliardi – che non rientrano nell’ammontare destinato a rimborsare i creditori – saranno prevalentemente riservati ai crediti privilegiati e alle spese di gestione perché, fino a quando non sarà completata la liquidazione, le società del gruppo sono operative.
Al primo riparto parteciperanno solo i creditori che, alla data del 18 marzo, risultavano effettivamente ammessi al passivo della Lbhi. A partire da ieri, i possessori di titoli emessi direttamente dalla holding statunitense, per i quali il piano prevede un rimborso pari al 21,1% del valore nominale, riceveranno con questa prima tranche soltanto il 6,02% del credito ammesso. Per quanto riguarda, invece, i possessori di bond emessi dalla olandese Lehman Brothers Treasury (Lbt), ma garantiti dalla Lbhi – che ha stabilito nel piano un recupero del 12,2% relativamente alla sola garanzia sui titoli – con il primo riparto riceveranno il 3,61 per cento. La Lbt è il veicolo che ha emesso la gran parte dei bond collocati in Italia, chiamata a gestire direttamente una quota dei rimborsi con i fondi riconosciuti dalla capogruppo nell’ambito di un accordo con la casa madre. Lbt non ha ancora fissato i termini per la registrazione dei crediti e l’udienza di verifica dello stato passivo. Tuttavia circolano già delle stime su quella che sarà la sua capacità di rimborso: la società veicolo dovrebbe essere in grado di riconoscere direttamente un ulteriore 15% circa, portando così il tasso di recupero complessivo dei titoli olandesi al 27 per cento.
Il secondo riparto è previsto a fine settembre. Il processo di distribuzione si protrarrà poi per due anni fino al 2014, ma non si escludono eventuali proroghe se dovessero esserci difficoltà a monetizzare gli asset, che sono soprattutto derivati e investimenti collegati a proprietà immobiliari e al private equity. Questi asset ammontano ora a circa 49 miliardi di dollari dopo il varo di questa prima tranche. «Il piano di recupero delle risorse da destinare ai rimborsi – spiega Raffaele Romano dello studio Sge – può essere rivisto in qualsiasi momento. Se ci fosse stata liquidità da distribuire, il discorso sarebbe stato diverso. Qui, però, si tratta di recuperare fondi cedendo altro e dunque potrebbero esserci delle difficoltà. È chiaro che, se la valutazione di alcuni asset dovesse essere bassa in alcune fasi, sarebbe consigliabile attendere tempi migliori».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa