Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Covid-19, Italia costretta a fermarsi

Italia costretta a fermarsi. In particolare il governo ha deciso la chiusura di scuole e università fino a metà marzo per cercare di limitare l’epidemia da coronavirus. L’ha annunciato il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, dopo il parere del comitato tecnico-scientifico. Nella bozza del Dpcm lo stop a teatri, cinema e ogni genere di manifestazione pubblica sociale o sportiva. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato il piano che aumenta del 50% di posti di terapia intensiva e del 100% nelle unità di pneumologia e malattie infettive. Via libera definitivo dell’Aula del Senato al primo decreto sull’emergenza. Le misure a sostegno delle famiglie che hanno i figli sotto i 14 anni a casa per la chiusura delle scuole non sono rientrate nel Dpcm, ma verranno inserite in una successivo provvedimento di legge. Lo ha spiegato il ministro Elena Bonetti.

Queste le principali misure di contenimento dell’epidemia contenute nel Dpcm firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte.Sospensione, sino all’8 marzo 2020, degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento a porte chiuse. Sospensione, sino all’8 marzo 2020, di tutte le manifestazioni e degli eventi, sia in luogo pubblico che privato: cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose. Sospensione, sino al 15 marzo 2020, delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative svolte a distanza. Musei e luoghi di cultura sono aperti solo a condizione che assicurino modalità di fruizione contingentata per evitare assembramenti di persone; i visitatori devono poter rispettare la distanza di almeno un metro fra di loro. Svolgimento delle attività di bar, pub, ristorazione solo per i soli posti a sedere ad almeno un metro di distanza uno dall’altro. Apertura delle attività commerciali a condizione che vengano adottate misure organizzative tali da consentire l’accesso con modalità contingentate. Limitazione dell’accesso dei visitatori alle aree di degenza da parte delle direzioni sanitarie ospedaliere. Limitazione dell’accesso dei visitatori agli ospiti nelle residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti. I Sindaci si impegnano a diffondere le ormai note misure igieniche previste per scongiurare il contagio.

Le amministrazioni pubbliche, vista anche l’emergenza legata al Coronavirus, sono invitate a incentivare lo smart working e se non ci sono abbastanza computer o comunque c’è indisponibilità o insufficienza di dotazione allora il dipendente può anche utilizzare propri dispositivi come pc o tablet. Lo prevede la nuova circolare della ministra della P.a, Fabiana Dadone. Il telelavoro può essere applicato anche dai datori di lavoro di aziende private a ogni rapporto di lavoro subordinato anche «in assenza degli accordi individuali».

Sono finora 3.089 i contagiati accertati da coronavirus in Italia (comprese le vittime e le persone guarite). Sono stati diagnosticati mediante l’esecuzione di 29.837, tamponi (di cui oltre 25 mila in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto). Sono 2.706 i contagiati accertati da Covid-19 in vita (con un incremento giornaliero di 443), 107 i morti: 28 in più in un giorno. I guariti sono 276 (116 in più). I casi dei contagiati sono così divisi fra le regioni italiane: 1.497 in Lombardia, 516 in Emilia-Romagna, 345 in Veneto, 82 in Piemonte, 80 nelle Marche, 31 inCampania, 21 in Liguria, 37 in Toscana, 27 nel Lazio, 18 in Friuli-Venezia Giulia, 16 in Sicilia, 7 in Puglia, 7 in Abruzzo, 5 in Trentino, 3 in Molise, 9 in Umbria, 1 in provincia di Bolzano, 1 in Calabria, 2 in Sardegna e 1 in Basilicata. Fa eccezione la Valle d’Aosta. Le vittime sono 73 in Lombardia (18 in più), 22 in Emilia-Romagna (4 in più), 6 in Veneto (3 in più), 4 nelle Marche (2 in più), 1 in Liguria e Puglia.

Sono 3.198 i morti nel mondo per il coronavirus, 93.455 i contagi accertati e 50.700 le persone guarite.

Oggi il governo darà il via all’iter per chiedere lo sforamento del deficit per 3,6 miliardi e per avviare l’esame del nuovo decreto con le misure economiche.

Per combattere la disinformazione, gli attacchi strumentali e la concorrenza sleale prende il via la prima campagna #MangiaItaliano in Italia e all’estero per salvare la reputazione del Made in Italy. Lo ha annunciato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini sottolineando che purtroppo il disgustoso video francese sulla pizza italiana andato in onda su Canal plus è solo la punta dell’iceberg di comportamenti che mirano a screditare il Made in Italy. «In alcuni Paesi», ha denunciato la Coldiretti, «vengono addirittura chieste insensate certificazioni sanitarie “virus free” su vini e cibi provenienti dalla Lombardia e dal Veneto, ma ci sono state anche assurde disdette per forniture alimentari (…) e ora cominciano addirittura ad essere disertati i ristoranti italiani». L’obiettivo è far conoscere i primati del Made in Italy con l’agricoltura italiana che è oggi la più green d’Europa, con 297 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la penisola, la leadership nel biologico con oltre 60 mila aziende agricole bio, 40 mila aziende agricole impegnare nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,8%) contro l’1,3% della media Ue o il 5,5% dei prodotti extracomunitari.

La Fosun Foundation di Shanghai ha donato al Comune di Milano 5 mila mascherine per fronteggiare l’emergenza da Coronavirus che sta colpendo la città.

Positivi al coronavirus due assessori di Regione Emilia-Romagna: Raffaele Donini (Politiche per la Salute) e Barbara Lori (Montagna). Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, si è autoisolato al ministero dopo aver frequentato la zona rossa.

Nel trimestre 1 marzo-31 maggio sono previste oltre 31 milioni di presenze in meno in Italia, con una perdita di 7,4 miliardi di euro, secondo i nuovi calcoli di Confturismo-Confcommercio alla luce dell’evoluzione dell’epidemia.

L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg si è ritirato dopo il flop del Super Tuesday democratico: «Sosterrò l’ex vicepresidente Joe Biden». Il sarcasmo del presidente Donald Trump: «Ha buttato dalla finestra 700 milioni di dollari». Anche Elizabeth Warren sta valutando se portare avanti o meno la sua campagna elettorale per la corsa alla Casa Bianca.

Alta tensione fra Turchia e Grecia sui profughi siriani. Ankara accusa la polizia greca di aver sparato provocando un morto e 5 feriti. Atene nega categoricamente di aver aperto il fuoco. Il presidente turco Recep Erdogan chiede il sostegno europeo in Siria, se Bruxelles vuole risolvere la questione migranti. Secondo le Ong siriane, un milione e mezzo di civili sono stati sfollati negli ultimi mesi nella regione di Idlib.

Michele Prestipino è il nuovo procuratore di Roma. Lo ha nominato a maggioranza il plenum del Csm. Prestipino, 62 anni, nato nella capitale, era il reggente della procura di Roma da quando nel maggio scorso il suo predecessore, Giuseppe Pignatone, era andato in pensione.

Firmato l’accordo tra ArcelorMittal e i commissari dell’ex Ilva, con la modifica del contratto di affitto e acquisizione per rinnovare il polo siderurgico con base a Taranto e la cancellazione della causa civile avviata a Milano. Netta la bocciatura dei sindacati. «Nei fatti il pre-accordo prevede una fase di stallo da qui alla fine del 2020 per quanto riguarda le prospettive e l’esecuzione del piano industriale», hanno scritto i segretari generali confederali. C’è l’impegno ad impiegare, alla fine del nuovo piano industriale 2020-2025, il numero complessivo di 10.700 dipendenti.

Il nuovo presidente della commissione Finanze alla Camera che sostituisce Carla Ruocco è il pentastellato Raffaele Trano. Ha vinto per 20 voti a 19 su un altro candidato Cinquestelle (quello ufficiale). Determinante il vostro del centrodestra per sovvertire l’esito auspicato dalla maggioranza M5s-Pd-Iv e Leu.

Il parlamento ucraino ha nominato nuovo primo ministro, nel corso di una seduta straordinaria, Denys Shmygal. Shmygal, in precedenza nominato dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per la carica di primo ministro, era stato vice premier.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa