Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Covid 19, Conte chiude tutta Italia

«Ho deciso di adottare misure ancora più stringenti per contenere l’avanzata del Coronavirus e tutelare la salute di tutti i cittadini». Corì ieri sera il premier Giuseppe Conte ha annunciato l’estensione all’intera Italia delle misure per contenere il contagio del Coronavirus previste finora per la Lombardia e 45 province. Anzi, per rendere più efficace il provvedimento è stato deciso di vietare gli assembramenti anche all’esterno, in particolare dei locali pubblici frequentati da ragazzi: «Se la salute è un bene messo a repentaglio, sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare come ‘Io resto a casa’», ha detto Conte: «Non ci sarà una zona rossa, ma un’Italia zona protetta. Gli spostamenti saranno consentiti soltanto per comprovate ragioni di lavoro, casi di ncessità e motivi di salute. Stop a tutti gli assembramenti anche all’esterno dei locali. Sono consapevole della gravità di questi provvedimenti, ma devo tutelare la salute di tutti e non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo essere tutti responsabili e voi cittadini con me. Oggi dobbiamo pensare anche ai medici e agli infermieri che rischiano la propria salute poer salvare la nostra. Tutte le misure prese per Lombardia e province allargate. Manifestazioni sportive non c’è ragione che proseguano, campionato di calcio sospeso, chiuse tutte le palestre. Queste misure andranno in G.u stasera (ieri, ndr) e saranno in vigore domani mattina (oggi, ndr). Portiamo la sospensione delle attività didattiche fino al 3 aprile».

Panico nelle borse europee con il dilagare del contagio da coronavirus. Piazza Affari ha perso l’11,17% tornando ai livelli di dicembre 2018, bruciando 14 mesi di guadagni. Spread a 227. L’allarme è legato anche al crollo del greggio sotto i 32 dollari in seguito al mancato accordo all’Opec fra Arabia Saudita e Russia: i titolo peggiori sono stati Saipem, Tenaris ed Eni in crollo di circa il 20%. Molto male anche le borse di Londra, Parigi e Francoforte, che hanno perso oltre l’8%. Sospesa in apertura, Wall Street riaperti gli scambi si è confermata in forte calo. L’indice Dow Jones giù del 7%, poi recupera. Reazione della Federal Reserve con l’immissione di 150 miliardi di dollari al giorno di liquidità. Dalla Bce per ora nessun segnale. Gli investitori sperano in un intervento anche da parte dell’Eurotower giovedì.

«Senza attacchi speculativi, niente blocco della borsa», ha spiegato Consob. La possibilità di congelare gli scambi a piazza Affari «non è di competenza della politica, ma delle Authority. Ci affidiamo pertanto alla loro percezione. La mia è un’esplicita raccomandazione ad affrontare il tema con estrema urgenza, come del resto ha dimostrato l’andamento delle borse in avvio di seduta», aveva spiegato ai microfoni di Class Cnbc il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta. L’ipotesi di non avviare le contrattazioni a palazzo Mezzanotte questa mattina «penso che sarebbe stato un gesto di sensibilità, considerato che mezza Italia è chiusa e che quella che non lo è di fatto lo sta facendo nei confronti delle aree più esposte», aveva aggiunto. In serata in un comunicato di via XX Settembre si è sottolineato che «la Consob ha chiarito le motivazioni alla base della necessità di mantenere l’operatività dei mercati azionari e ha evidenziato i rischi che comporterebbe l’interruzione di tale operatività». Dunque, il ministero dell’Economia «ribadisce la fiducia nell’operato e nelle scelte della Commissione».

Da tutte le opposizioni e da Italia Viva è venuta la richiesta al governo di estendere le misure restrittive previste per le zone rosse a tutta l’Italia. Aperture in questa direzione anche da parte di alcuni esponenti M5s. «Preferirei utilizzare misure rigide fin da subito, il prima possibile, a costo di pagare un conto salato subito ma che lo sarebbe sempre meno che se continuassimo a tentennare. Se i cittadini non sono abbastanza responsabili dobbiamo imporglielo, credo sia necessario, lo sto dicendo ai miei da un po’», ha dichiarato Stefano Buffagni, viceministro dello Sviluppo economico. Sempre da Forza Italia e da Italia Viva è venuta la proposta al governo di coinvolgere nell’emergenza sanitaria da coronavirus l’ex capo della protezione civile, Guido Bertolaso.

Controlli di Polizia per chi esce di casa senza motivi di lavoro, salute o per necessità. Non esiste il divieto di uscire di casa, ma lo si deve fare per esigenze lavorative, sanitarie o di sussistenza (fare la spesa, per esempio). Il governo vista l’inosservanza palese e il comportamento irresponsabile di molti, corre ai ripari. Stretta anche su aeroporti e trasporti ferroviari. La direttiva al prefetti del ministero dell’Interno chiarisce molte questioni. Ai prefetti i poteri di controllo tramite i comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Ieri sono cominciati i voli di trasporto dalle terapie intensive lombarde a quelle di altre regioni. I letti di rianimazione degli ospedali lombardi sono saturi. Da ieri è attivo il conto corrente «Regione Lombardia-Sostegno emergenza Coronavirus» (IT 76 P0306 909790 100000 300089) per raccogliere fondi per sostenere strutture sanitarie, medici, infermieri e personale. Lo ha comunicato il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Camera e Senato ridurranno la presenza dei parlamentari in Aula per rispettare la distanza di sicurezza al fine di evitare il contagio da coronavirus. I gruppi ridurrebbero proporzionalmente le loro presenze facendo arrivare in Aula alla Camera solo 350 deputati, tutti del Centro e del Sud, che voterebbero la risoluzione. Si va verso l’ok unanime alla richiesta in Europa di aumento del deficit. La presidente Ue, Ursula von Der Leyen ha aperto agli aiuti di Stato: «Siamo in circostanze eccezionali».

L’emergenza coronavirus «avrà una significativa ricaduta economica. Sono necessarie sostanziali politiche mirate per sostenere l’economia. L’obiettivo è prevenire che una crisi temporanea danneggi la gente e le aziende attraverso la perdita di posti di lavoro e le bancarotte». L’ha affermato il capo economista Fmi, Gita Gopinath.

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha assicurato che il provvedimento economico atteso in settimana aiuterà le piccole imprese: «Cassa integrazione anche le aziende con un solo dipendente». Il viceministro all’Economia, Antonio Misiani: «Lavoriamo a una moratoria molto ampia sui prestiti a imprese e famiglie». Il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, confida che fra le misure previste vi siano quelle necessarie per fronteggiare «la mancata riscossione dei canoni di locazione da parte dei proprietari di locali commerciali (ma il problema si sta già ponendo pure per gli affitti abitativi)». Al minimo, va eliminata la norma che impone di tassare i canoni non riscossi, «che in questa circostanza rivela tutta la sua assurdità». Ma i locatori «andrebbero sollevati anche dall’obbligo di pagamento dell’Imu». Infine andrebbe ripristinata e ampliata la cedolare secca per i negozi scaduta a fine 2019.

Denunciati due giovani di 20 e 25 anni provenienti da Parma, che stavano andando all’aeroporto Marconi di Bologna per prendere un aereo per Madrid, violando la zona rossa. Alitalia ha azzerato i voli da Milano Linate. In Alto Adige si ferma in anticipo la stagione sciistica a causa dell’emergenza coronavirus: da domani chiuderanno gli impianti di risalita e gli alberghi.

Stop a tutto lo sport italiano fino al 3 aprile, ma prima serve un apposito decreto della presidenza del consiglio. È la decisione del Coni e delle federazioni sull’emergenza coronavirus. Sospese tutte le attività sportive «a ogni livello».

Sono 463, 97 in più in un giorno, i morti legati al coronavirus in Italia. Il commissario Angelo Borrelli ha spiegato: «L’1% dei deceduti aveva tra i 50 e i 59 anni, il 10% fra i 60 e i 69 anni, il 31% fra i 70 e i 79, il 44% fra gli 80 e gli 89 anni, il 14% oltre 90 anni». In un giorno 102 persone sono guarite. In totale i guariti da Covid 19 sono 724 in Italia. Le persone positive al coronavirus sono 1.598 in più in un giorno, il totale è di 7.985.

Rivolta nelle carceri dopo lo stop ai colloqui per l’emergenza coronavirus in Italia. Sei detenuti morti nel carcere di Modena. Venti detenuti sono evasi dal carcere di Foggia: in 50 erano riusciti a scappare durante la protesta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La crisi generata dal coronavirus colpisce frontalmente l’economia reale ma rischia di riflettersi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Lavoratori pagati dalle banche anziché dall’Inps. È la soluzione che il governo sta pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BERLINO — La Bce ha deciso un altro passo importante. Per il bazooka appena sfoderato da 750 mili...

Oggi sulla stampa