Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Costi black list ancora «vigilati»

Le spese 2015 vanno riportate separatamente in Unico per evitare la sanzione del 10%
Acquisti di beni e di servizi da Paesi fiscalmente “opachi” ancora sotto la lente per le imprese che si apprestano a compilare Unico 2016. Disapplicare anzitempo gli adempimenti, basandosi sull’abrogazione della disciplina decisa dalla legge di Stabilità 2016, costituirebbe infatti un errore, sanzionato con il 10% dell’importo complessivo delle spese e dei componenti negativi non indicati nella dichiarazione dei redditi, con un minimo di 500 e un massimo di 50mila euro (articolo 8, comma 3-bis, decreto legislativo 471/97). L’applicabilità della sanzione ai casi precedenti al 2016, del resto, è stata confermata in queste settimane dalla Cassazione (si veda l’articolo pubblicato a fianco). Ma andiamo con ordine.
Disposizioni sull’ottovolante
La deducibilità e l’indicazione in Unico dei costi black list sono cambiate più volte negli ultimi anni, a seguito dei tanti interventi legislativi sui commi 10 e seguenti dell’articolo 110 del Tuir (e sui commi 7-bis e seguenti dell’articolo 76, suo predecessore sino al 2003). Possiamo distinguere, in sintesi, le seguenti fasi:
fino al 31 dicembre 2006, i costi emergenti da operazioni con soggetti residenti in Paesi a fiscalità privilegiata (individuati dal Dm 23 gennaio 2002) erano deducibili solo se separatamente indicati in dichiarazione e se le imprese provavano l’esistenza di almeno una delle due “esimenti”: 1) attività commerciale effettiva svolta in prevalenza dal fornitore estero o 2) concreta esecuzione delle operazioni che dovevano anche rispondere a un effettivo interesse economico;
dal 1° gennaio 2007, con efficacia retroattiva, ferme restando (salvo interpello) le prove occorrenti per la deducibilità, la mancata indicazione separata dei costi determinava l’applicazione di una sanzione pari al 10% dell’importo complessivo dei costi, con un minimo di 500 e un massimo di 50mila euro;
dal periodo d’imposta in corso al 7 ottobre 2015, in base all’articolo 5 del Dlgs 147/2015, l’indeducibilità è stata limitata all’eventuale quota del componente negativo eccedente il valore normale del bene o del servizio, definito dall’articolo 9 del Tuir;
infine, dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2015, per effetto del comma 142 dell’articolo 1 della legge di Stabilità per il 2016 (208/2015), l’intera disciplina è stata abrogata, per cui la deducibilità di queste spese segue ora le stesse regole di deducibilità (inerenza, certezza, economicità, eccetera) previste per i costi verso fornitori nazionali.
Gli effetti su Unico
Il modello Unico 2016 si pone, quindi, a cavallo dell’ultima modifica: solo le imprese che utilizzeranno questo modello per dichiarare periodi d’imposta iniziati dal 1° gennaio 2016 (e terminati prima del 31 dicembre) potranno evitare di compilare i righi (RF29 e RF52 per Unico SC) dedicati al fenomeno.
Invece, le imprese che, come è ordinario, dichiarano il periodo d’imposta 2015 (o un periodo iniziato nel 2015 e terminato nel 2016) devono seguire i seguenti step:
riprendere in aumento e poi segnalare in diminuzione tutti i costi sostenuti nei Paesi black list (seguendo la definizione fornita dall’Agenzia con le circolari 51/E/2010 e 35/E/2012 e i chiarimenti forniti dallo studio del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili del marzo 2012), pena l’applicazione della sanzione del 10% (indipendentemente dalla deducibilità dei costi sostenuti);
valutare se il componente negativo eccede il valore normale dell’operazione;
in caso positivo, documentare l’unica esimente ancora ammessa, vale a dire l’esistenza dell’effettivo interesse economico e la concreta esecuzione, per poter dedurre l’importo eccedente, che va indicato nel campo interno del rigo destinato ad accogliere la variazione in diminuzione (RF52 in Unico SC).
I Paesi black list
Non è semplice individuare i Paesi black list. Il Dm 23 gennaio 2002 elenca i territori interessati in tre articoli a seconda che siano integralmente nella lista nera oppure soggetti ma con deroghe oppure esclusi salvo eccezioni. Inoltre, nel 2015 (dopo la legge di Stabilità, 190/2014, articolo 1, comma 678), le liste sono state modificate dai decreti del 27 aprile e del 18 novembre 2015, che hanno eliminato 21 Paesi e giurisdizioni (tra cui Filippine, Gibilterra, Emirati Arabi e Singapore) oltre a Hong Kong.
Ma i decreti non prevedono una decorrenza per l’eliminazione dei Paesi dalla “lista nera”. Si potrebbe fare riferimento al periodo d’imposta in corso, alla data di pubblicazione del decreto, o a quella di effetto dell’accordo che ha reso possibile l’eliminazione.

Giorgio Gavelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa