Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corsia veloce ai nuovi marchi

Due mesi in meno per incassare la tutela del marchio dall’Ufficio italiano brevetti e marchi (Uibm).Da due giorni (cioè dal 26 febbraio 2019) chiunque depositi una domanda di marchio tramite il portale on line https://servizionline.uibm.gov.it, potrà optare per una procedura rapida, denominata «fast track». L’accesso a questa corsia preferenziale sarà possibile cliccando sull’opzione «fast track, presente in una delle prime schermate del sito.

Lo ha annunciato ieri il ministro dello Sviluppo economico con una nota, che rimanda a una circolare dello stesso dicastero, la n. 604, protocollata il 6 febbraio 2019 (n. U.0033166)

Secondo i tecnici di via Veneto «il nuovo procedimento, opzionale, ha due vantaggi: la pubblicazione della domanda in tempi notevolmente ridotti e la riduzione della possibilità di errori nelle domande», che si traduce in un «conseguente accelerazione dei tempi».

Infatti, seguendo l’iter normale, tra deposito e pubblicazione della domanda di marchio intercorrono circa 180 giorni (sei mesi); al contrario, con la procedura «fast track» i giorni si riducono a 120. Cioè a quattro mesi.

Dunque, la fase di esame dell’istanza viene accelerata e ciò consente, in assenza di rilievi, che si possa approdare entro una settimana dalla data di deposito alla pubblicazione sul bollettino dei marchi, tra le domande registrabili.

La frequenza di pubblicazione dei bollettini ufficiali, di norma, avviene secondo una cadenza prestabilita. Ma la circolare Mise del 6 febbraio scorso ha annunciato che, per rispettare le tempistiche che il ministero si è dato, dal 26 febbraio l’Uibm ha incrementato anche la frequenza di pubblicazione dei bollettini. Questo il nuovo calendario:

a) ogni lunedì e mercoledì per le sole domande di marchio depositate in modalità fast track;

b) ogni venerdì per tutte le domande di marchio (fast track e non).

Come si accede al «Fast track»? La procedura può essere utilizzata esclusivamente per le domande depositate tramite il portale on line dell’Uibm. Il richiedente la registrazione dovrà selezionare prodotti e servizi inclusi nell’elenco della Classificazione Internazionale di Nizza e, poi, pagare contestualmente all’invio della domanda.

Le caratteristiche dell’istanza. In particolare, secondo la circolare dello Sviluppo economico, il ricorso alla procedura fast track sarà possibile solo per le istanze, che abbiano le seguenti caratteristiche:

1) l’assenza di rivendicazione di proprietà;

2) i prodotti/servizi indicati nella domanda dovranno necessariamente appartenere a quelli inclusi nell’elenco della Classificazione internazionale di Nizza, vigente al momento del deposito del marchio;

3) la tipologia del marchio di cui si chiede la registrazione deve essere «individuale»,

4) la natura del marchio di cui si chiede il deposito, invece, deve essere «figurativa» o «denominativa»;

5) il pagamento delle tasse di concessione governativa va effettuato esclusivamente tramite la piattaforma PAGOPA. E va effettuato contestualmente al deposito della domanda.

Per tutto il resto, la circolare Mise chiarisce che si applicano «tutte le altre condizioni previste per il deposito online delle domande di marchio».

Luigi Chiarello

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa