Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corsi sulla sicurezza da «aggiornare» dopo cinque anni

La formazione sulla sicurezza obbligatoria per i lavoratori è entrata ormai nella «fase 2». Esaurita l’emergenza di assicurare una adeguata formazione a tutti i lavoratori come disposto dall’Accordo del dicembre 2011, ora il datore di lavoro deve cominciare a pianificare le nuove scadenze. Il primo ciclo di formazione per la sicurezza, infatti, rimane valido, per ogni lavoratore cinque anni dopo il termine del corso. E dunque per tutti i soggetti coinvolti – lavoratori, preposti e dirigenti – deve essere effettuato un aggiornamento della formazione già erogata entro i cinque anni successivi al completamento del percorso generale di formazione.
La durata dell’aggiornamento è di sei ore complessive, da erogare con le modalità ritenute più idonee dal datore di lavoro: un’unica sessione di almeno sei ore o più moduli nel corso degli anni.
Negli aggiornamenti non potranno essere riproposti argomenti o contenuti già somministrati nei corsi base ma si dovranno trattare significative evoluzioni e innovazioni riguardanti gli approfondimenti giuridico-normativi, aggiornamenti tecnici sui rischi, organizzazione e gestione della sicurezza in azienda, fonti di rischio e misure di prevenzione. Nell’aggiornamento non è compresa la formazione relativa al trasferimento o cambiamento di mansione e all’introduzione di nuove attrezzature di lavoro.
Per rendere più dinamico l’apprendimento e garantire un monitoraggio continuo sull’acquisizione delle competenze, si possono prevedere verifiche annuali, anche tramite e-learning, sul mantenimento delle competenze acquisite. Le verifiche sono per il datore di lavoro uno strumento importantissimo, soprattutto in caso di infortunio per fronteggiare eventuali contestazioni sull’inefficacia o carenza della formazione.
Una volta esaurito l’aggiornamento dei lavoratori in azienda, il datore di lavoro ha l’obbligo di provvedere a formare i nuovi assunti che non siano in possesso di adeguati attestati che provino l’avvenuta formazione, e adeguare la formazione del lavoratore in caso di mutamento di mansioni o nel caso in cui il lavoratore provenga da un’azienda con fattori di rischio minori.
Oltre alle scadenze per l’aggiornamento il datore di lavoro deve monitorare i problemi pratici e applicativi derivanti da alcuni passaggi non chiarissimi del testo unico sulla sicurezza (Dlgs 81/2008). Alcuni chiarimenti sono arrivati di recente anche dalla Commissione interpelli. Ad esempio con una risposta a un quesito di Federfarma data l’11 luglio scorso la Commissione ha chiarito che, terminato il percorso di formazione sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, il superamento della prova di verifica obbligatoria è necessario solo per i corsi dei preposti e dei dirigenti e per il datore di lavoro che svolge direttamente i compiti del servizio di prevenzione e protezione. Per i lavoratori, invece, l’accordo Conferenza-Stato Regioni del dicembre 2011 stabilisce che nel caso in cui il corso di formazione sia erogato con e-learning la verifica finale va fatta «in presenza», cioè con la diretta supervisione del docente nel momento del test. Al contrario, se la formazione è erogata in aula non è obbligatoria la verifica finale per i lavoratori (mentre lo è per dirigenti e preposti) anche se, a parere di chi scrive, è opportuno che sia effettuato e documentato un momento di confronto docenti-discenti, per dimostrare che la formazione è stata efficace.
Una dimostrazione importante anche per evitare le pesanti sanzioni: l’articolo 55 del Dlgs 81/2008 prevede la sanzione dell’arresto da 2 a 4 mesi o l’ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro per il non corretto adempimento degli obblighi formativi. E non finisce qui. Infatti, se un infortunio fosse collegato – come avviene sovente – alla omessa o carente formazione, sarebbe contestato al datore di lavoro (o al suo delegato) e al dirigente anche il delitto di lesioni colpose o omicidio colposo. Inoltre, in caso di lesioni gravi o gravissime, o omicidio colposo, all’azienda potrebbe essere contestata la violazione delle norme del Dlgs 231/2001, con l’ applicazione delle sanzioni pecuniarie o interdittive a carico dell’azienda.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa