Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corsa a due per l’acciaio dell’Ilva, Cdp-Arvedi e Arcelor-Marcegaglia

MILANO L’obiettivo è consegnare l’Ilva nelle mani dei privati entro la fine dell’anno. E in questo percorso i tre commissari straordinari — Piero Gnudi, Enrico Laghi e Corrado Carrubba — hanno portato a termine la prima tappa. Ieri, al termine della scadenza, sono arrivate tre offerte per l’Ilva, di cui, però, soltanto due ammesse alla gara: quella di Am Investco Italy (ArcelorMittal-Marcegaglia) e quella di AcciaItalia (Cdp Equity-Arvedi-Delfin). La terza, quella di Ionian Shipping — un consorzio di operatori del porto di Taranto, al quale si era aggregato l’imprenditore francese Vincent Bolloré attraverso Saga Italia — è stata giudicata incompleta. Ma poiché l’uomo di affari bretone punta sostanzialmente solo a Ilva Servizi Marittimi (una delle controllate del gruppo Ilva) non è escluso che possa rientrare nella fase degli accordi finali trattando con i commissari per una parte non strategica del gruppo o, a iter concluso, con l’aggiudicatario della gara. Che, con ogni probabilità, si conoscerà a fine anno. Adesso, infatti, i commissari gireranno al ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, i Piani ambientali per l’esame preliminare da parte del Comitato degli esperti che li esaminerà in 120 giorni. Poi, indicativamente da ottobre, inizierà la valutazione delle offerte economiche e dei piani industriali, le cui buste sono state secretate e non saranno aperte fino al termine dell’esame ambientale. Nei successivi 120 giorni, quindi entro fine 2016, la procedura potrebbe concludersi.

L’offerta di AcciaItalia — società partecipata da Arvedi (22,20%) come socio industriale e Cassa depositi e prestiti (44,50%) e Delfin (33,30%) come soci finanziari — è stata messa a punto direttamente da Claudio Costamagna e Fabio Gallia, presidente e amministratore delegato della Cdp che, della cordata, è anchor investor con la consulenza legale dello studio BonelliErede. Presidente della newco sarà Giovanni Arvedi. «Con l’offerta presentata oggi — si legge nella nota diffusa ieri da AcciaItalia — la società si pone l’obiettivo di partecipare alle fasi successive della procedura per la cessione del primo gruppo italiano per la produzione di acciai piani in Italia e fra i principali operatori del settore in Europa». La cordata, che nel tempo ha prima guadagnato la presenza della finanziaria del patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio (con l’assistenza dell’advisor Mediobanca) e poi perso Erdemir, potrebbe nei prossimi mesi riguadagnare il partner turco. Lo schema attuale è solo quello della prima fase; in uno step successivo è previsto che la newco arrivi a controllare Ilva al 70%, con il restante 30% che sarà riservato, nel caso di accordo, al gruppo turco Erdemir che scioglierà la sua riserva a novembre. Il finanziamento del progetto prevede l’emissione di un bond a cui saranno chiamate a partecipare le banche creditrici dell’Ilva, mentre, secondo quanto trapela dalle ovattate stanze di via Goito, la Cdp interverrebbe con circa 400 milioni, Delfin con una fich e prevista tra i 300-350 milioni e Arvedi con una quota che dovrebbe essere di circa 200 milioni, per quasi un miliardo complessivo, con la possibilità di reperire ulteriore liquidità ricorrendo alla leva finanziaria.

Anche la joint-venture ArcelorMittal-Marcegaglia (rispettivamente 85% e 15%), assistita dall’advisor Jp Morgan, prevede «un considerevole programma di investimenti e l’impegno a migliorare le performance ambientali di Ilva» oltre che quello «a garantire i livelli occupazionali».«Abbiamo le caratteristiche necessarie — ha spiegato Antonio Marcegaglia — a raccogliere e vincere la sfida del rilancio dell’Ilva». Che prevede, per entrambe le cordate, l’incremento della produzione dagli attuali 4,8 milioni di tonnellate a oltre 6 milioni. Con adeguati piani industriali sui quali — come ha chiesto ieri Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil — il sindacato vorrebbe confrontarsi.

Michelangelo Borrillo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa