Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corsa al taglio dei dividendi Le aziende difendono i bilanci

La lista si sta rapidamente allungando. E dopo l’annuncio di Sea, la società di gestione dei servizi aeroportuali, che il 20 marzo scorso ha annunciato il taglio del pagamento della seconda tranche dei dividendi 2019, per un ammontare di 82 milioni di euro, anche il produttore di impianti frenanti per auto Brembo e il gruppo degli apparecchi acustici Amplifon hanno deciso di sospendere il pagamento del dividendo già approvato dal consiglio di amministrazione per il 2019.

La causa è naturalmente l’impatto sul conto economico dell’emergenza sanitaria in corso. Pesante, per Brembo, la reazione di Piazza Affari: il titolo ha lasciato sul terreno oltre l’11,6% della sua capitalizzazione. Meglio ha fatto Amplifon, in rialzo del +2,2%.

Brembo ha ribadito che è difficile esprimere previsioni quantitative circa le conseguenze economiche del coronavirus, che si presume saranno di notevole entità nei primi trimestri del 2020.«Se questa mossa è adottata da una delle società più virtuose del settore auto, sia in termini di margini che di struttura finanziaria riteniamo che possa essere seguita da molte altre», avvertono gli analisti di Equita Sim.

Anche alcune grandi aziende europee si stanno rapidamente allineando sulla scelta di dare un taglio ai dividendi già deliberati. Tra queste Airbus, il consorzio aerospaziale europeo, il cui ad Guillaume Faury ieri ha annunciato la cancellazione del dividendo proposto per un ammontare di 1,4 euro per azione e per un valore complessivo di «circa 1,4 miliardi di euro». «Abbiamo annullato le nostre previsioni per il 2020 a causa della volatilità della situazione. Allo stesso tempo, ci impegniamo a garantire la liquidità dell’azienda in ogni momento, grazie a una politica patrimoniale prudente. Sono convinto che Airbus e l’intero settore aeronautico e spaziale supererà questo periodo critico» ha sottolineato Faury.

Colpito dalla doppia crisi della pandemia e del crollo dei prezzi del petrolio il colosso francese dell’energia Total taglierà con effetto immediato le spese, ridurrà i dividendi per gli azionisti e congelerà le assunzioni. Le misure di austerità adottate dal quarto maggior colosso petrolifero occidentale ammonteranno a 5 miliardi di dollari.

Non tutte le grandi aziende, tuttavia, hanno scelto la strada del taglio dei dividendi. In Italia Enel ha confermato la distribuzione della cedola agli azionisti mentre in Germania il produttore di auto e camion Daimler mantiene i suoi piani di distribuzione degli utili (90 centesimi) nonostante gli effetti della pandemia.

«Dalla metà di febbraio a oggi i contratti futures sui dividendi hanno perso circa il 50% per i dividendi che verranno deliberati nel 2020 e circa il 33-35% per quelli del 2021. Questo significa che il mercato sta prezzando un taglio medio degli utili distribuiti dalle imprese nel prossimo biennio esattamente di questa entità», spiega Alessandro Capeccia, direttore investimenti di Azimut Capital Management.

Secondo il gestore, tuttavia, la riduzione dei dividendi non colpirà in modo omogeneo tutti i settori. «Mi aspetto che le società con un business più stabile o regolato, come le utilities, i farmaceutici e gli alimentari mantengano il loro livello di distribuzione degli utili sostanzialmente invariato. E che i tagli riguarderanno soprattutto gli industriali e la finanza», conclude.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’Europa è pronta a smembrare i colossi del Web che non rispetteranno le nuove regole sul digital...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessuna autorizzazione preventiva, o per meglio dire nessuna esenzione in bianco per salire oltre il...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Invenzioni, brevetti, e altre opere dell’ingegno sono sempre più un pilastro dell’economia mode...

Oggi sulla stampa