Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corre lo spread, giù Piazza Affari

Il rimbalzo delle Borse è già finito. È durato solo un giorno e mezzo. Ieri sui listini di tutto il mondo sono tornate le preoccupazioni: Londra ha perso l'1,01%, Parigi l'1,11%, Francoforte lo 0,73%, Milano l'1,07%, Wall Street lo 0,67% (arrivando al minimo del mese) e il Nasdaq l'1,22%. Per quattro motivi. Uno: le aste di titoli di Stato in Italia hanno registrato i rendimenti più elevati degli ultimi tre anni, provocando nuove turbolenze sul mercato dei BTp. Due: Moody's ha nuovamente messo in guardia gli Stati Uniti, che hanno un debito gigantesco e non riescono a trovare l'accordo politico al Congresso per aumentarne il tetto massimo. Tre: le trattative per il salvataggio della Grecia sono tutt'altro che alla conclusione. Quattro: il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, ha fatto capire che le nuove manovre monetarie di stimolo non arriveranno tanto a breve.

Che sui mercati ci sia tensione lo dimostra soprattutto un dato: l'oro, bene rifugio per eccellenza, è salito al nuovo massimo storico a 1,594,16 dollari l'oncia. E questo la dice lunga sul clima: se l'Europa è nel bel mezzo di una crisi dei titoli di Stato (quelli che un tempo erano considerati beni rifugio) e gli Stati Uniti sono a un passo dal potenziale default (ovviamente nessuno crede che il Congresso non trovi l'accordo, ma queste trattative ad oltranza lasciano intendere che il clima è teso), l'oro diventa l'unico vero bene rifugio. E infatti, allo stesso tempo, salgono i rendimenti dei titoli di Stato: segnale che ci sono vendite e che i prezzi scendono. Innanzitutto salgono i tassi dei BTp italiani, con i decennali risaliti di 9 centesimi al 5,65%. Questo ha provocato un nuovo allargamento dello spread sui Bund tedeschi, che alla fine ha chiuso a 290 punti base. Ma anche i T-Bond americani, che hanno perso mezzo punto in termini di prezzo e hanno spinto i rendimenti al rialzo di 6 centesimi al 2,94%, perdono appeal.

Tutto questo dimostra che i mercati restano tesi. E a preoccuparli è la crisi dei debiti statali. Ma ieri il motivo principale di delusione è arrivato dagli Stati Uniti, quando ha parlato il presidente della Federal Reserve. Bernanke il giorno precedente aveva lasciato intendere che, se l'economia non tornasse a crescere, sarebbe disposto a riaprire il rubinetto della politica monetaria ultra-espansiva. Il mercato aveva inteso che presto potrebbe far ripartire il cosiddetto quantitative easing, cioè la manovra con cui la Fed acquista titoli di Stato e inietta liquidità sul mercato. Questo aveva favorito il rimbalzo delle Borse mercoledì: questo tipo di politica monetaria fomenta infatti la speculazione e fa salire le Borse. Ebbene: ieri Bernanke, pur non rimangiandosi le parole, ha però calmato gli entusiasmi facendo capire che il nuovo quantitative easing non sarà nel breve periodo. Questo ha contribuito a deludere. E ha spinto al ribasso mercati già preoccupati per Europa e Stati Uniti.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa