Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Corbyn si schiera: sì al secondo referendum sulla Brexit

Eppur si muove: dopo mesi e mesi passati alla finestra, il leader laburista Jeremy Corbyn ha accettato di spostare la posizione del suo partito sulla Brexit. E non si tratta di uno smottamento da poco: perché l’opposizione di sinistra al governo di Theresa May, dopo mille tentennamenti, si è finalmente schierata a favore di un secondo referendum sulla Brexit.

Corbyn, che in cuor suo resta un euroscettico, è stato costretto dagli eventi: la scorsa settimana otto deputati hanno dato vita a una mini scissione proprio a causa del dissenso sulla Brexit. E c’era il forte rischio che l’emorragia continuasse, provocando serio imbarazzo alla leadership laburista.

Il gruppo parlamentare del Labour è decisamente filoeuropeo, così come lo è la base dei militanti, che da mesi reclamava di schierare il partito a favore di un nuovo referendum. Ora Corbyn ha ceduto a queste pressioni, ma la scelta rischia di essere ugualmente controversa: tre milioni di elettori laburisti, specialmente nel nord operaio dell’Inghilterra, hanno votato nel 2016 a favore della Brexit. Un ampio bacino di consensi che ora potrebbe sentirsi tradito.

Corbyn infatti, fino a questo momento, aveva mantenuto una posizione ambigua, evitando di mettere apertamente in discussione la Brexit: solo in questo modo riusciva a tenere in piedi la composita colazione elettorale laburista, fatta di liberal metropolitani filoeuropei, concentrati a Londra, e classi lavoratrici euroscettiche delle aree industriali.

Un equilibrismo che alla lunga non poteva reggere. Ora Corbyn ha dovuto schierarsi: ma questo non significa che le chance di un secondo referendum, o di invertire la Brexit, siano particolarmente cresciute. Il Labour presenterà un emendamento per chiedere una Brexit che mantenga la Gran Bretagna nell’unione doganale con la Ue e in parti del mercato unico: poiché sarà certamente bocciato, porterà in aula un altro emendamento che chiede un nuovo referendum «per impedire una dannosa Brexit conservatrice».

Tuttavia anche questa mossa difficilmente approderà da qualche parte: anche perché ci sono dozzine di deputati laburisti, che rappresentano circoscrizioni pro Brexit, che si ribelleranno alla nuova linea del partito. E i conservatori, di gran lunga più numerosi, non hanno nessuna intenzione di avallare un secondo voto: la lora base è nettamente pro- Brexit e per loro sarebbe un suicidio politico.

Cosa succederà a questo punto? Resta improbabile che Theresa May riesca a far approvare il suo accordo sulla Brexit entro la data fatidica del 29 marzo: e allora, per evitare una uscita catastrofica, il no deal, si andrà probabilmente a un rinvio. Ma solo di qualche mese, quel che basta per prepararsi al peggio.

Luigi Ippolito

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa