Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Conviventi «garantiti» dai giudici

L’Istat parla chiaro: in Italia si registrano circa un milione di famiglie di fatto. Fenomeno, tuttavia, ancora privo di una regolamentazione per quel che riguarda il rapporto fra i partner, mentre negli ultimi anni diversi interventi legislativi (quali, la legge 219/2012 sull’equiparazione dei figli legittimi e naturali e la legge 54/2006 sull’affido condiviso esteso a figli di genitori non coniugati) hanno riguardato i diritti e doveri verso i figli , cancellando ogni differenza rispetto ai nati da genitori sposati.
Nel 2001 la legge 154/2001 ha anche esteso ai conviventi l’applicabilità delle misure contro la violenza nelle relazioni familiari. E se è recente il sì del Senato al disegno di legge su unioni civili e convivenze di fatto – con cui si formalizzano diritti già riconosciuti dai giudici (subentro nella locazione, assistenza ospedaliera, mantenimento temporaneo dell’ex in difficoltà) e si prevede la possibilità di stilare contratti di convivenza – alla coppia, oggi, non resta che ingegnarsi per assicurarsi un minimo di tutela giuridica.
I rapporti economici
Diversi, gli strumenti negoziali, cui i conviventi (la cui coabitazione sia anagraficamente attestata) potranno ricorrere per regolare i rapporti patrimoniali e successori.
Con la donazione, ad esempio, potrebbero trasferirsi al partner beni o diritti, o costituire in suo favore un diritto reale di godimento.
Per sottrarre uno o più beni alla piena disponibilità del convivente proprietario e destinarli alle esigenze della convivenza, invece, potrebbe costituirsi un vincolo di destinazione o optare – nel caso in cui si intendessero tutelare gli interessi di figli nati dall’unione – per l’istituzione di un trust.
Le questioni economiche, poi, potranno regolarsi con apposita scrittura privata con cui, tra l’altro:
si costituisca un fondo comune per le spese sostenute;
si decida dell’assegnazione della casa familiare;
si concordi l’assunzione da parte di uno dell’obbligo di mantenimento dell’altro;
si opti per l’eventuale comunione sugli acquisti compiuti assieme;
si definiscano i rapporti patrimoniali reciproci in caso di cessata convivenza.
Ancora, potrebbero estendersi al compagno le prestazioni garantite dalla propria polizza sanitaria, o nominarlo beneficiario di un’assicurazione sulla vita.
L’eredità
È in ambito ereditario, a ben vedere, che l’assenza di disciplina incide maggiormente, non derivando dalle unioni di fatto alcun diritto successorio. Ecco che, se tra coniugi redigere testamento è facoltativo, tra conviventi diviene un passo obbligato. Con testamento, naturalmente, si potrà attribuire al partner solo la quota disponibile, cioè quella porzione del patrimonio che la legge non riserva ai familiari più stretti. Diversamente, la disposizione sarebbe impugnabile da parte dell’erede legittimo.
Del tutto nulli, invece, sono i patti successori, ossia gli accordi con cui un soggetto si impegni a nominare taluno come suo erede. Vietato, anche il testamento reciproco. Consentita, però, la redazione di due testamenti “a specchio” con cui ogni convivente designi erede l’altro, seppur per la sola fetta disponibile.
Le malattie
Ulteriore nodo da sciogliere, quello delle scelte terapeutiche. Al riguardo, la normativa dettata in tema di trapianti d’organi (articolo 3 della legge 91/1999) ha equiparato la posizione del convivente a quella del coniuge, stabilendo che i medici, in caso di paziente in attesa di trapianto, informino sulle opportunità di cura e sui rischi connessi, il coniuge non separato, il convivente more uxorio o, in mancanza, i figli maggiorenni, i genitori o il rappresentante legale.
Per quanto riguarda la donazione di organi, invece, assente una dichiarazione di volontà del soggetto, espressa in vita, verrà chiesto ai familiari del defunto (conviventi inclusi) di interpretarne le volontà. Nell’ipotesi di malattia grave, infine, al convivente – che risulti tale sullo stato di famiglia, o sia stato previamente delegato per iscritto dal partner – spettano gli stessi diritti del coniuge: assistenza, accesso ai dati sensibili sullo stato di salute o sul piano terapeutico. Utile, anche la predisposizione di un atto pubblico o di una scrittura privata autenticata, con cui si nomini il compagno, amministratore di sostegno in caso di futura incapacità.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Si rafforza il quarto decreto anti-Covid per far fronte all’emergenza economica e per indennizzare...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un discorso autonomo, sugli incentivi, va dedicato ai datori di lavoro dei servizi finanziari e assi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con il sì definitivo al decreto legislativo correttivo del Codice della crisi cambiano anche le reg...

Oggi sulla stampa