Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Controversie, data cardine è il 24/10/18

Nel caso di doppia soccombenza del Fisco in primo e in secondo grado, alla quale – a provvedimento normativo già vigente – ha fatto seguito una pronuncia di cassazione con rinvio sul ricorso proposto dall’Agenzia delle entrate, la controversia può essere definita con il pagamento del 15% del relativo valore. Infatti, il momento rilevante per individuare gli importi da corrispondere per la definizione agevolata coincide con l’entrata in vigore del decreto legge 119/2018, ossia il 24/10/2018, data in cui la controversia era interessata dalla sentenza sfavorevole all’ufficio emessa dalla Commissione tributaria regionale. È questo, spiega Fiscooggi, il contenuto della risposta n. 110/2019 con cui le Entrate hanno dato riscontro all’istanza di interpello presentata da un contribuente in contenzioso su un avviso di liquidazione relativo all’imposta di registro. L’Agenzia ricorda che la norma disciplinante la definizione agevolata delle controversie tributarie dispone, tra l’altro, che «… in caso di soccombenza dell’Agenzia delle entrate nell’ultima o unica pronuncia giurisdizionale non cautelare depositata alla data di entrata in vigore del presente decreto, le controversie possono essere definite con il pagamento: a) del 40% del valore della controversia in caso di soccombenza nella pronuncia di primo grado; b) del 15 per cento del valore della controversia in caso di soccombenza nella pronuncia di secondo grado». Pertanto, prosegue Fiscooggi, nel caso in esame, in cui si è verificata la doppia soccombenza dell’Agenzia delle entrate in primo e in secondo grado, mentre la Cassazione ne ha accolto il ricorso con rinvio, il contribuente può definire la controversia pagando il 15% del relativo valore. Ciò che rileva, infatti, è la situazione processuale al 24/10/2018, data di entrata in vigore del decreto legge n. 119: in quel momento, la controversia era interessata dalla sentenza sfavorevole all’ufficio emessa dalla Ctr, rendendosi applicabile la previsione normativa contenuta nella richiamata lettera b).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa