Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Contratti sprint, l’Antitrust multa i big dei telefoni

Una ripetuta violazione del codice di consumo. Ecco il verdetto dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato nei confronti di cinque grandi operatori telefonici che offrono i loro servizi di telefonia fissa e mobile sul territorio nazionale: Telecom, Vodafone, Wind, Fastweb e Tiscali. La sanzione irrogata, per un totale di nove milioni di euro, è motivata da condotte irregolari nella commercializzazione a distanza, online o al telefono, di servizi di telefonia fissa o mobile. L’Antitrust contesta alle società telefoniche l’attivazione del contratto di servizio durante il periodo della durata di 14 giorni previsto per dare tempo alla clientela di esercitare il diritto di recesso. Secondo le norme che derivano dal recepimento dei consumer rights nell’ambito della commercializzazione a distanza dei servizi telefonici, l’attivazione del contratto prima della scadenza dei 14 giorni destinati a un possibile «ripensamento», è possibile solo nel caso in cui sia il cliente a farne esplicita richiesta. La conclusione del contratto e la sua attivazione non può dunque dipendere dalla volontà dell’azienda e la libertà di scelta del cliente non può essere in alcun modo condizionata dall’operatore telefonico. Nei casi sanzionati dall’Antitrust per un importo medio di circa due milioni per ciascun operatore, è stata constata anche la violazione delle regole di correttezza informativa previste dalla disciplina.

Marco Sabella

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa