Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Contratti, oneri sempre deducibili

di Luca Gaiani

È deducibile un onere contrattuale divenuto certo al 31 dicembre, anche se dopo quella data la richiesta della controparte viene impugnata dal contribuente. Il chiarimento giunge dalla circolare 29/E di ieri, con la quale l'agenzia delle Entrate ha dato veste ufficiale alle risposte fornite durante il convegno Map del 26 maggio 2011 (si veda anche «Il Sole 24 Ore» del 27 maggio). Per i costi imputati fuori competenza, oggetto di accertamento del l'ufficio, è possibile il recupero delle imposte pagate nel l'anno in cui la rettifica diventa definitiva anche a seguito della mancata impugnazione dell'atto o per definizione in adesione.

Competenza al 31 dicembre

La circolare di ieri si occupa della corretta imputazione temporale dei componenti reddituali, argomento spesso oggetto di contestazioni da parte del Fisco. Una prima risposta riguarda l'esercizio di deduzione di oneri derivanti dalla penale dovuta da un'impresa a un ente pubblico per la violazione di impegni contrattuali. La controparte ha richiesto il pagamento della penale solo dopo la data di chiusura dell'esercizio 2010, ma l'onere era già rilevabile al 31 dicembre sulla base delle semplici pattuizioni contrattuali. L'Agenzia afferma che la certezza dell'onere si trae, in questo caso, dal contratto, risultando il costo già deducibile nel 2010 (previa sua imputazione al conto economico), ancorché la richiesta dell'ente sia giunta dopo il 31 dicembre e indipendentemente dal fatto che, in epoca successiva, la richiesta stessa possa formare oggetto di opposizione da parte della società debitrice. Al di là del caso specifico, la risposta delle Entrate supporta la tesi, certamente da preferire, secondo cui la verifica dei requisiti di certezza e determinabilità oggettiva dei componenti reddituali va effettuata esclusivamente sulla base della situazione esistente al 31 dicembre senza che abbiano rilevanza eventi accaduti dopo tale data, anche se entro il momento di redazione del bilancio.

Altro tema riguarda gli errori nell'imputazione temporale. I contribuenti possono, dopo che la deduzione è stata rettificata dall'ufficio, recuperare le maggiori imposte pagate con riguardo all'anno in cui il costo andava invece imputato per competenza. La circolare di ieri precisa che il recupero scatta anche quando la definitività dell'accertamento è dovuta a una mancata impugnazione o a una definizione per adesione o per conciliazione giudiziale.

Iva e autofatture

In materia di Iva internazionale, la circolare 29/E chiarisce che rientra tra le prestazioni relative agli immobili (rilevanti nello stato in cui si trova il bene) anche quella relativa alla progettazione. Pertanto la fattura emessa da un ingegnere a una società italiana per la realizzazione di un fabbricato al l'estero risulterà fuori campo Iva ai sensi dell'articolo 7-quater del Dpr 633/72. La circolare illustra le modalità di emissione e di registrazione delle autofatture per acquisti di servizi esteri, precisando innanzitutto che è possibile emettere un'autofattura cumulativa mensile per acquisti dallo stesso soggetto, che, al termine del periodo, non erano ancora stati pagati (diversamente, l'autofattura va emessa alla data del pagamento). Le autofatture possono essere annotate anche sugli ordinari registri acquisti e vendite, avendo cura di utilizzare distinte progressioni numeriche e nel rispetto di un ordine progressivo sequenziale per ciascuna serie. Nella prima pagina andranno indicate le serie utilizzate.

Sempre in materia di Iva, viene chiarito che la separazione facoltativa delle attività (articolo 36 del Dpr 633/72), da comunicare in sede di dichiarazione annuale, è attuabile solo dal l'inizio di un dato anno solare e non invece in corso d'anno, salvo che, durante l'esercizio, non venga avviata un'attività in precedenza non esercitata. L'opzione in corso d'anno vale solo in presenza di operazioni societarie che comportano modifiche sostanziali soggettive.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa