Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Contraffazione a tutto campo

Più di 11.400 interventi eseguiti per un totale di 130 milioni beni sequestrati nel 2013. Il 45% dei quali ha avuto ad oggetto beni contraffatti (59.367.381 unità). Medaglia d’argento, invece, al settore della sicurezza sui prodotti che chiude il 2013 con 55.539.517 beni oggetto di sequestro davanti al comparto della tutela del made in Italy con 15.150.643 unità requisite. Ad aggiudicarsi, invece, il gradino più alto del podio a conclusione del primo quadrimestre 2014 è il settore della sicurezza dei prodotti che, a fronte di 25.239.055 beni sequestrati, a contribuito per il 72% (18.278.341 unità). Questi i dati resi noti, ieri, dalla Guardia di finanza nel corso delle audizioni che si sono svolte in Commissione attività produttive alla Camera in merito alla proposta di legge a firma del deputato Angelo Senaldi (Pd) avente ad oggetto «Sistemi anticontraffazione per consentire al consumatore l’identificazione dei prodotti di origine italiana».

Nel dettaglio, nel corso dell’intervento, le Fiamme gialle hanno fatto presente come «nel corso del 2013 sono stati effettuati 11.409 interventi che, complessivamente, hanno portato al sequestro di 130.057.541 di beni per un totale di 9.445 soggetti denunciati e 101 arrestati». Attività, quella svolta dalla Guardia di finanza che non accenna a diminuire. «Solo nel primo quadrimestre del 2014», hanno evidenziato le Fiamme gialle, «sono già stati effettuati 1.539 interventi, per un totale di 25.239.055 beni posti sotto sequestro a cui hanno fatto da sponda 1.325 denunce e 27 soggetti arrestati».

Per quanto riguarda la tipologia di reato, nei primi quattro mesi del 2014 il settore maggiormente colpito è stato quello relativo alla sicurezza dei prodotti. «Mentre in tutto il 2013 i sequestri relativi a problemi di sicurezza sono stati 55.539.517, solo nei primi quattro mesi dell’anno i sequestri effettuati sono stati 18.278. 341». In diminuzione, invece, il trend relativo alla tutela del made in Italy. Nel 2013 sono stati requisiti 15.150.643 pezzi mentre, nei primo quadrimestre dell’anno, i sequestri sono stati 36.998.

Sul fronte, invece, della tipologia di prodotto ad essere maggiormente colpito nel corso dell’ultimo anno è stato il settore dei beni di consumo. In tutto il 2013, infatti, sono stati effettuati 53.612.449 sequestri, mentre per il 2014 il trend pare in diminuzione. Nel corso dei primi quattro mesi dell’anno, infatti, sono state posto sotto sequestro 9.168.049 unità.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa