Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Conto base con carta di credito. Zero spese per i meno abbienti

Tra i servizi che la banca dovrà offrire obbligatoriamente nel conto di base è compresa anche l’emissione della carta di debito. Mentre per le fasce di consumatori socialmente svantaggiate si dovrà garantire il conto base senza spese. Possibilità di ottenere il trasferimento di uno o più servizi di pagamento ricorrenti (come ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti) e dell’eventuale saldo positivo su un nuovo conto entro un termine complessivo di 12 giorni lavorativi.

E spazio a siti web di confronto a cui tutti i prestatori di servizi di pagamento hanno obbligo di partecipare. Sono tra le previsioni contenute nel decreto di attuazione della direttiva 2014/92/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, sulla comparabilità delle spese relative al conto di pagamento, sul trasferimento del conto di pagamento e sull’accesso al conto di pagamento con caratteristiche di base, approvato definitivamente venerdì scorso dal Consiglio dei ministri. Il conto di pagamento, o conto base, come definito dalla direttiva, è uno strumento usato per l’esecuzione di operazioni semplici quali, ad esempio, ricevere un bonifico o effettuare pagamenti. Non può essere utilizzato per operazioni di gestione del risparmio. Il decreto prevede il diritto per tutti i cittadini legalmente soggiornanti nell’Ue di aprire un conto di pagamento con caratteristiche di base, senza discriminazioni fondate sulla nazionalità o sul luogo di residenza.

Il provvedimento riprende quanto già disposto dalla convenzione tra il Ministero dell’economia, la Banca d’Italia e le principali associazioni rappresentative dei prestatori di servizio di pagamento (banche, Poste e istituti di pagamento); in continuità con tale Convenzione e in attuazione della direttiva europea, spiega una nota di Palazzo Chigi, il conto di base deve essere offerto da tutti i prestatori di servizi di pagamento che offrono alla propria clientela conti di pagamento e includere un numero predefinito di operazioni annue a fronte di un canone onnicomprensivo. Il canone deve essere di ammontare «ragionevole» e in linea con la finalità perseguita dell’inclusione finanziaria. Si introduce, inoltre, l’obbligo per i prestatori di servizi di pagamento di fornire ai consumatori il «Documento informativo sulle spese» (relativo, tra l’altro, alle informazioni precontrattuali) e il «Riepilogo delle spese» (contenente comunicazioni periodiche). I nuovi documenti non sostituiscono, ma si aggiungono agli obblighi informativi già stabiliti per i servizi di pagamento, ad esempio l’estratto conto.

Altri provvedimenti. Il consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge concernente la ratifica e l’esecuzione della convenzione relativa alla costruzione e all’esercizio di un impianto laser europeo a elettroni liberi a raggi X, con allegati, fatta ad Amburgo il 30 novembre 2009, e del protocollo di adesione del governo della Federazione Russa alla convenzione del 16 dicembre 1988 sulla costruzione e sulla gestione del Laboratorio europeo di radiazione di sincrotrone (Esrf), fatto a Grenoble il 23 giugno 2014 e a Parigi il 15 luglio 2014.

Disco verde anche allo statuto della Fondazione «Italia sociale», istituita dalla legge delega di riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e della disciplina del Servizio civile universale. In ragione degli eventi sismici e degli eccezionali fenomeni meteorologici che hanno colpito i territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, l’esecutivo ha anche deliberato l’estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottata con la delibera del 25 agosto 2016 e autorizzato un ulteriore stanziamento di 70 milioni di euro destinato a far fronte ad ulteriori interventi di soccorso legati alla fase di emergenza. Lo stanziamento andrà a valere sulle disponibilità del Fondo per le emergenze nazionali.

Nomine. Deliberato la conferma di Gioacchino Natoli nell’incarico di capo del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, e, su proposta del ministro dell’Economia, la conferma fino alla scadenza naturale dell’incarico conferito a Vincenzo La Via (direttore generale del tesoro, 14 maggio 2018) e Daniele Franco (ragioniere generale dello Stato, 19 maggio 2018), nonché la conferma e il rinnovo per tre anni a Fabrizia Lapecorella dell’incarico di direttore generale delle finanze e a Luigi Ferrara dell’incarico di capo del Dipartimento dell’amministrazione generale del personale e dei servizi. Infine, la conferma in via definitiva, a seguito del parere reso dalla Conferenza unificata, fino alla scadenza naturale degli incarichi conferiti ai direttori dell’Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi (12 giugno 2017) e dell’Agenzia del demanio, Roberto Reggi (22 settembre 2017).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo settimane di ostinati dinieghi, come succede in casi simili, il Crédit Agricole deve fare i co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo prova a mettere ordine nella giungla dei commissari straordinari delle crisi aziendali. A...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Borsa dei Bitcoin si è quotata in Borsa, e vale 100 miliardi di dollari. Ieri è stato il giorno...

Oggi sulla stampa