Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Conti bancari interconnessi contro il riciclaggio

Interconnessione dei registri dei conti bancari per contrastare il riciclaggio di denaro sporco a livello Ue. È una delle proposte presentate ieri dalla Commissione europea per fermare il flusso di denaro sporco da 200 miliardi di euro che ogni anno transita nell’Unione europea. La commissione ieri ha adottato una comunicazione e quattro relazioni per sostenere le autorità europee e nazionali ad affrontare i rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. Nella Relazione sull’interconnessione dei registri centralizzati la commissione ha quindi proposto la creazione di una piattaforma comune a livello Ue, da realizzare attraverso un’azione legislativa, previa consultazione con i governi degli Stati membri e le unità d’informazione finanziaria. Prodotti anonimi, identificazione dei titolari effettivi e nuovi prodotti non regolamentati, come ad esempio le criptovalute, sono alcuni dei punti deboli nella lotta al riciclaggio che emergono dalla Relazione sulla valutazione sovranazionale dei rischi. Tuttavia, parte di queste mancanze saranno affrontate con il recepimento della quinta direttiva antiriciclaggio, sottolinea la commissione. La Relazione sulla valutazione dei recenti casi di riciclaggio di alto profilo nel settore finanziario ha analizzato i grandi scandali dal 2012 al 2017. I dieci casi (da Danske Bank, Pilatus Bank a Ing ecc.) hanno evidenziato la presenza di carenze più pesanti nella vigilanza proprio nelle situazioni transfrontaliere, sia all’interno dell’Ue che verso i paesi terzi. Da qui la necessità di un’ulteriore armonizzazione tra gli Stati membri e di una vigilanza rafforzata, sottolinea la commissione. Per quanto riguarda l’unità di informazione finanziaria (Fiu), la commissione riporta che a causa del loro diverso status e delle loro diverse competenze e organizzazione nei diversi paesi membri, alcune Fiu non sono in grado di accedere alle informazioni pertinenti (finanziarie, amministrative e di contrasto) e di condividerle. Inoltre, le Fiu talvolta non dispongono degli strumenti informatici adeguati per importare ed esportare in modo efficiente le informazioni.

Matteo Rizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Stavolta non basterà lo stratagemma di una richiesta fotocopiata a Bruxelles senza firma, e nemmeno...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Niente rinvii per la riforma delle procedure che regolano la crisi d’impresa e l’insolvenza. La ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un voto a favore e un voto contro e Brexit è “congelata”. L’accordo di Boris Johnson è passa...

Oggi sulla stampa