Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Contenzioso tributario ancora giù

Contenzioso tributario ancora in calo. Anche nel secondo trimestre del 2017 l’indice di «litigiosità fiscale» ha confermato il trend decrescente avviato cinque anni fa. Tra il 1° aprile e il 30 giugno di quest’anno le nuove cause promosse da cittadini e imprese contro gli uffici sono state 45.133, con una flessione dell’8,9% rispetto allo stesso trimestre del 2016. In appello, i gravami depositati sono stati 17.424, in frenata dell’8,7%. Rallenta pure il numero delle sentenze depositate: nel trimestre le controversie definite in Ctp sono state 54.652 (-13%), in Ctr 15.980 (-1,95%). Complessivamente il saldo tra entrate e uscite risulta però a favore di queste ultime, consentendo alla magistratura tributaria di abbattere il numero dei fascicoli arretrati per la prima volta sotto quota 450 mila. È quanto emerge dal bollettino trimestrale sul contenzioso fiscale diffuso ieri dalla Direzione giustizia tributaria del Dipartimento delle finanze.

A contribuire al calo dei ricorsi c’è l’estensione della mediazione tributaria, resa obbligatoria a partire dal 2016 per tutti gli atti di valore fino a 20 mila euro, a prescindere dall’ente impositore (e non più solo per quelli emanati dall’Agenzia delle entrate). Nel primo semestre del 2017 tale fascia economica mostra una diminuzione del 9,8% rispetto al 2016, anche se le mini-liti restano comunque quelle numericamente più rilevanti: nel 2° trimestre dell’anno il 43% dei ricorsi proposti alle Ctp è di valore inferiore ai 3 mila euro, ma pesa per appena 19 milioni di euro sui quasi 4,9 miliardi finiti al vaglio dei primi giudici nel trimestre.

Nessuna discontinuità per quanto riguarda i tassi di vittoria. In Ctp gli uffici hanno vinto il 45% delle cause, vedendosi riconosciute pretese per 1,95 miliardi di euro, mentre i giudizi completamente favorevoli ai contribuenti sono stati il 32% (con l’annullamento di rettifiche per 1,7 miliardi di euro). In Ctr, invece, la quota di giudizi completamente favorevoli agli enti impositori è stata del 48% (valore economico 1,6 miliardi di euro), mentre cittadini e imprese hanno vinto il 37% degli appelli (valore 670 milioni di euro).

Infine, il 60% dei casi definiti nei due gradi di giudizio ha visto la compensazione dei costi di lite, mentre le condanne alle spese hanno colpito nel 25% dei casi i contribuenti e nel restante 15% gli uffici.

Valerio Stroppa

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Investimenti nel biometano e metano sintetico. Ma anche nell’idrogeno verde. Con una particolare ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una superlinea con una capacità produttiva fino a 400 mila vetture all’anno e quattro nuovi mode...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Stappa lo champagne Ursula von der Leyen che tiene a battesimo la prima emissione degli eurobond de...

Oggi sulla stampa