Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Contenziosi tributari in calo

Contenzioso tributario ancora in calo. Nel 3° trimestre del 2017 le liti avviate tra contribuenti e fisco sono state 38.042, il 12,9% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016. In flessione anche il numero delle controversie definite dai giudici, pari a 44.632 (-15,2%). Ma poiché il numero dei fascicoli conclusi è comunque superiore a quelli in entrata si riduce ulteriormente l’arretrato: alla data del 30 settembre 2017 presso le segreterie di Ctp e Ctr pendevano complessivamente 434.117 cause (-12% sul 2016), il valore più basso mai registrato nelle rilevazioni ministeriali. È quanto emerge dal rapporto trimestrale sul contenzioso tributario, diffuso ieri dalla Direzione giustizia tributaria del Dipartimento delle finanze. Il bollettino consente di tracciare un quadro d’insieme dei primi nove mesi del 2017: le liti avviate tra primo e secondo grado sono state 159.327, in diminuzione del 10% rispetto ai primi nove mesi del 2016. La percentuale è del 17,4% se si opera il confronto sul 2015. In frenata pure il numero delle cause definite: le 193.816 dei primi nove mesi 2017 fanno segnare un calo del 7,9% sul 2016 e dell’11% sul 2015. Nel 3° trimestre del corrente anno le Ctp hanno ricevuto 26.354 ricorsi, proposti da cittadini e imprese. I magistrati tributari di primo grado hanno definito 34.044 liti, con un saldo netto positivo tra uscite ed entrate di circa 8 mila fascicoli. Numeri più bilanciati in appello, dove a fronte di 11.688 appelli notificati le Ctr hanno smaltito 10.588 gravami. Piuttosto stabili rispetto dei trimestri precedenti gli esiti delle controversie. In Ctp il fisco ha vinto completamente nel 45,8% dei casi, vedendosi riconosciuta una pretesa di quasi 1,6 miliardi di euro, a fronte del 31% dei giudizi pienamente favorevoli ai contribuenti, per un controvalore di 877 milioni di euro. In Ctr gli uffici si sono aggiudicati il 47,3% delle cause, per un valore di 795 milioni di euro, e perso nel 37,4% dei casi, vedendo annullati 626 milioni di rettifiche.

Valerio Stroppa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa