Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Conte fa una promessa al credito cooperativo “Rivediamo la riforma Bcc”

Tra un’emergenza sanitaria e una riscrittura delle norme sull’immigrazione, ieri il premier Giuseppe Conte ha dato udienza a un altro fronte caldo, quello della riforma delle banche di credito cooperativo. È la seconda gamba della trasformazione del sistema bancario varata a suo tempo da Renzi, insieme a quella delle banche popolari. E si è rivelata più impervia della prima.
«Il mondo cooperativo bancario sta soffrendo rispetto a un progetto di riforma» del 2016, ha sottolineato Conte all’assemblea di Confcooperative. E ha preso un impegno preciso: «Su questo tema dobbiamo condurre un’accurata riflessione. C’è l’impegno del governo a lavorare per mettere a punto le criticità e lavorare anche in sede europea perché possano essere superate».
Anche se ha ammesso: «Io non posso promettere l’esito della riflessione », è stato abbastanza per scaldare gli animi e per riscuotere il plauso incondizionato di Federcasse (l’associazione che raccoglie le Bcc) e il «grande apprezzamento» del suo presidente Augusto dell’Erba.
Il punto dirimente, che ha chiamato in causa la capacità delle Bcc di continuare a rappresentare al meglio il loro ruolo di banche del territorio, vicine alle realtà locali, è lo status cui queste banche sono sottoposte. In pratica, agli occhi della Bce sono banche “significant” e quindi soggette ad una serie di vincoli molto forti e di controllo da parte di Francoforte. E questa è una conseguenza diretta del fatto che con la riforma del 2016 – tutte le Bcc, banche piccole e a volte minime, sono confluite in due grandi spa (banche altoatesine a parte). La struttura in realtà è un po’ complessa, perché le singole Bcc fanno parte delle spa secondo un contratto di adesione, ne sono vigilate ma la controllano, dal punto di vista azionario, e hanno un rapporto di subordinazione legato al grado di virtuosità: più i conti sono in ordine, più sono autonome (e in ogni caso sono titolari della licenza bancaria). Ma per Francoforte, essendo le due capogruppo molto grandi, e dunque “significant”, anche ogni singola Bcc lo è per la proprietà transitiva.
Il mondo delle Bcc insiste invece per applicare il principio della proporzionalità (dei controlli, nonché delle regole). L’ideale sarebbe intervenire sulle norme europee; in subordine con un po’ di fantasia giuridica e qualche mediazione in ambito Ue, il mondo cooperativo punta ad una riforma della riforma. Che, nodo “significant” a parte, non le è mai andata del tutto giù.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il management di Mediobanca confeziona una trimestrale con 200 milioni di utile netto, meno di un an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessun rilancio sul prezzo, ma un impianto complessivamente più flessibile e con qualche passo avan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le recenti modifiche apportate alla legge 130/1999 (disposizioni sulle cartolarizzazioni dei crediti...

Oggi sulla stampa