Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Consumi, segnali solo sui beni primari Come 30 anni fa

Tornano a crescere i consumi delle famiglie, ma nel 1984 i trentenni s’indebitavano per la Panda e la casa, oggi semmai per l’auto elettrica e la salute, con due orientamenti: condivisione e rivendibilità del bene. Lo dice Findomestic, che compie 30 anni e ieri ha presentato il suo Osservatorio. Stima (con Prometeia) che nel 2014, sul 2013, i consumi totali salgano dello 0,5% e dell’1,2% i soli beni durevoli (a 65,8 miliardi). Nel 2012 e nel 2013 erano scesi dell’1,2%.
«È l’anno dell’arresto della caduta», dice perciò la finanziaria di Bnp Paribas. A trainare sarebbe l’acquisto di auto, nuove (+5%) e usate (+3,8%). «Mercato debole, di sostituzione», dice però l’indagine. Seguono mobili (+1,5%), telefonia (+1,4%) e grandi elettrodomestici (+1%). Giù invece elettronica di consumo (-6,3%), information technology (-3,1%) e fotografia (-24,7%).
Svolta anche il credito al consumo: +2% a ottobre (stima Assofin, +8% la sola Findomestic), dopo il -13,4% a 45,4 miliardi dei quattro anni precedenti. È comunque il decuplo dei tre-quattro miliardi del 1984, quando il rapporto debito/Pil era del 74,4%, quasi la metà di ora; l’inflazione al 10,8% (0,3% al settembre scorso); il tasso di disoccupazione al 10% (ora 13%). «Trent’anni fa si finanziavano automobili, lavatrici, frigo: beni primari — dice Chioffredo Salomone, amministratore delegato Findomestic —. L’elettronica di consumo non c’era. Nel ‘90-2000 c’è stato il boom di prestiti e beni voluttuari: viaggi, orologi, maxischermo, telefonini. Dal 2008 a oggi, con la crisi, si torna ai primari, ma si finanziano anche salute e fotovoltaico».
Negli ‘80 il mutuo era la spesa più forte del budget mensile (42% delle risposte, 1000 interviste a 18-64enni), ora che solo un 25-3oenne su quattro è autosufficiente va al secondo posto (37%), dopo benzina e Rc Auto (59%). Si è passati dalla «solidità stabile» di una «vita da formiche» all’«indolenza dinamica» di una «vita da esploratori». Dietro c’è l’incertezza del lavoro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa