Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Consumi giù anche al ristorante

La ristorazione italiana si mette a dieta. Causa la crisi, calano i consumi in ristoranti, fast food e bar mentre aumenta il numero delle catene commerciali in lotta per difendero o allargare la fetta di mercato. Secondo i dati di Npd Group, la spesa per consumi fuori casa ha perso 2 miliardi in un triennio. Nel 2014 è calata del 2% a 59,25 miliardi mentre l’anno prima ha ceduto il 2,4% a 60,5 miliardi; in retromarcia anche le visite dei clienti: -1,8% nel 2014 a circa 15 miliardi e -2,2% l’anno precedente a 15,6 miliardi.
«Il calo oramai tende ad appiattirsi – sostiene Matteo Figura, direttore del foodservice di Npd Italia -. Siamo vicini allo zoccolo duro, oltre il quale non è possibile andare o rinunciare a un bene».
«Sono quattro anni che il mercato perde il 2% – conferma Roberto Masi, ad di McDonald’s Italia – e alla fine ha perso l’8% del suo valore. Non sarà facile nel 2015 superare la crisi: già il mese di gennaio ha toccato gli stessi livelli del passato. Una cosa del genere non si vedeva dal dopoguerra». Ma è significativo che il calo di attività si sia concentrato nel pomeriggio-sera e nel week end: il pranzo non è stato quasi toccato. «Per gli italiani – aggiunge Masi – è stato un vero sacrificio rinunciare alla parte più conviviale».
Secondo Npd Group, oltre il 76% della spesa per consumi fuori casa è realizzata nei negozi indipendenti (grosso modo il piccolo commercio) che accusano un calo del 4% nel solo 2014. Mentre le insegne (anche pochi negozi ma con lo stesso brand e una comunicazione unificata) sono in crescita del 3,4%. Infatti nell’ultimo triennio le catene organizzate hanno guadagnato il 10% della spesa complessiva, a danno degli indipendenti. La frammentazione del mercato italiano rimane però ancora elevatissima: per esempio, a valore, il miliardo di fatturato di McDonald’s (520 ristoranti) pesa per meno del 2% sul totale e molto meno le altre insegne come Roadhouse grill (58), Old wild west (130) e American Graffiti (35).
«Riusciamo a crescere anche in un mercato in forte calo – esordisce Nicolas Bigard, ceo di Roadhouse grill – .A parità di rete i ricavi 2014 salgono del 3% ma a rete corrente siamo al +25%. Siamo contenti di quello che abbiamo fatto ma sarebbe stato più facile senza la crisi: l’anno scorso si sono seduti ai nostri tavoli 5 milioni di clienti». Per quest’anno la rete dei ristoranti con la carne alla griglia del gruppo Cremonini dovrebbe crescere di altri 17 punti vendita e di una ventina il successivo. Bigard gestisce direttamente 53 negozi su 58 (con servizio al tavolo)e lo scontrino medio della catena è di 17 euro. Il fatturato è di 85 milioni. «La gestione diretta – spiega il top manager – ci dà quella capacità di reazione e quella flessibilità che con il franchising non avremmo».
Lo scontrino medio dei fast food di McDonald’s si ferma a 7,10 euro. «Nel 2014 – sostiene Masi – siamo cresciuti del 2% a rete corrente; e poco meglio del mercato a rete omogenea. Lavorare in un mercato che si è messo a dieta non è piacevole ma l’effetto cibo-spazzatura non c’entra niente con la situazione italiana. Noi dobbiamo comunque andare avanti e quest’anno inaugureremo altri 36 ristoranti».
Nel piatto mercato italiano cresce il business della colazione: +5,5% nel 2014. «I consumatori – conclude Figura – hanno scoperto un’esperienza più ricca, grazie anche all’innovazione nei prodotti e nell’offerta».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa