Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Consoli in tribunale a febbraio: la sfida sulle «baciate»

Le banche venete sono state azzoppate dalle «azioni baciate», cioè i titoli comprati con un finanziamento concesso dalla banca stessa: pratica illegale se non vengono decurtate dal patrimonio di vigilanza. Banca d’Italia lo scrive nero su bianco nelle «domande e risposte» sulla crisi dei due istituti. Ma di che cifre si parla? Bankitalia cita i 900 milioni di Popolare di Vicenza. Per Veneto Banca il fenomeno appare più contenuto: dalla richiesta di rinvio a giudizio che sarà discussa il 7 febbraio 2018 emerge che nell’aumento di capitale 2014 da 500 milioni le «baciate» ammonterebbero a 37 milioni. È su questo numero che l’ex ceo Vincenzo Consoli ( foto ), assistito dagli avvocati Franco Coppi e Ermenegildo Costabile, farà leva per sostenere l’irrilevanza delle «baciate» nel patrimonio di vigilanza e che dunque la banca non è saltata per il doping sul capitale. Ma i pm di Roma Maria Sabina Calabretta e Stefano Pesci contestano agli ex vertici anche altro: il patrimonio di Veneto Banca sarebbe stato gonfiato di circa 400 milioni in gran parte per crediti non svalutati (e per le «baciate») nonché di 80 milioni circa tra bond e azioni in mano clienti vip e a Jp Morgan (per l’operazione sui mutui vitalizi) con obbligo di riacquisto. Sarà materia per tecnici e consulenti. Ma anche per capire come si erogava credito prima della crisi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa