Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Consob, la multa e gli ex dipendenti

Per la prima volta nella storia, Consob potrebbe rivalersi sui dipendenti per un risarcimento danni da 20 milioni per un fatto accaduto 20 anni fa. Il 28 aprile 2008 (sentenza n. 8844) il Tribunale di Roma ha accolto le domande risarcitorie di clienti truffati da un agente di cambio di Napoli, Guido De Asmundis, condannando la Commissione per omessa vigilanza. Il 5 maggio 2014 (sentenza n. 2828) la Corte di appello di Roma ha rigettato l’appello di Consob e ha condannato l’Autorità al risarcimento del danno.
La condanna (che non è ancora definitiva e Consob intende fare ricorso in Cassazione) si riferisce ai ritardi con cui l’Autorità è intervenuta con un’ispezione presso l’agente di cambio. Nel frattempo, il 19 marzo di quest’anno, la Corte dei conti ha delegato Consob per predisporre una relazione e ha chiesto di costituire in mora i soggetti eventualmente responsabili per tutelare le ragioni patrimoniali della Commissione stessa. Da qui la chiamata in causa dei commissari dell’epoca e di alcuni dipendenti. Tra questi, uno solo è tuttora in forza all’Autorità e all’epoca dei fatti (il 1994) era incaricato dell’accesso alle informazioni presso gli agenti di cambio della borsa di Napoli. Il dipendente ha ricevuto una lettera firmata dal presidente della Consob, Giuseppe Vegas, che intima di risarcire i danni erariali. Tra risarcimenti e interessi, la cifra potrebbe arrivare a 20 milioni. «È un atto dovuto a fronte di una richiesta in tal senso da parte della Corte dei conti, volta a interrompere la prescrizione» fa sapere la Commissione. La vicenda potrebbe non avere l’esito temuto dal dipendente, che ha comunque presentato istanza di revisione in cui sostiene che l’incarico non era stato attivato. La richiesta ha provocato reazioni da parte dei sindacati. «Ciò che stupisce è l’assenza di qualsivoglia istruttoria» si legge in un comunicato della Falbi, che parla di «macigno che irrompe nella vita delle persone per il semplice fatto che all’epoca si rivestiva un ruolo astrattamente idoneo a conoscere i fatti in contestazione».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa