Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Confindustria in prima fila all’Expo

Nessuno sconto a chi delinque e non rispetta le regole, ma non è possibile compromettere un’occasione di promozione internazionale e rilancio per il Paese come quella rappresentata da Expo 2015. A 316 giorni dal via dell’Esposizione universale di Milano, le parole del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e del presidente di Expo 2015, e commissario del Padiglione Italia, Diana Bracco concordano sulla necessità di unire le forze per trasformare la grande manifestazione del prossimo anno in uno scatto d’orgoglio per il Paese, in una vetrina «dell’Italia che vuole farcela», come ha detto il presidente degli industriali. Che ieri, a Roma, ha siglato con il presidente Bracco un accordo di collaborazione tra Expo e Confindustria, che diventa così partner istituzionale del Padiglione Italia.

«Abbiamo creduto nell’Expo fin dall’inizio – ha commentato Squinzi – come al primo grande evento che può contribuire alla ripartenza del Paese. Un’occasione imperdibile per promuovere l’Italia e il made in Italy nel mondo, una sfida che sosterremo con tutte le nostre forze». L’impegno di Confindustria sarà diretto in particolare a sviluppare, all’interno del Padiglione Italia, il tema dell’Expo («Nutrire il pianeta, Energia per la vita»), con iniziative di promozione dei prodotti e delle tecnologie dell’industria italiana, per far conoscere come il nostro Paese, ben noto in tutto il mondo per la sua cultura enogastronomica e culinaria, abbia sviluppato una filiera industriale capace di produrre, attraverso tecnologie e innovazione, un’alimentazione di qualità, sicura e sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico. Per far comprendere a pieno questo concetto ai visitatori, l’associazione organizzerà la mostra permanente «Il Cibo dei desideri», che resterà aperta all’interno del Padiglione Italia per tutti i mesi della manifestazione e sarà progettata dal Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, dietro la guida di Mario Balich, curatore del Padiglione. Allestita su una superficie di 900 mq su due piani, la mostra si propone di accompagnare il pubblico attraverso un percorso tecnologico che spieghi la complessità della filiera agroalimentare italiana che, dal seme nel campo ai prodotti consumati a tavola, vede coinvolti diversi soggetti dell’industria.
Non a caso, sono nove le associazioni industriali che collaborano al progetto: Federalimentare, Federchimica, Assolombarda, Acimit (Associazione Costruttori Italiani di Macchinari per l’Industria Tessile), Anie (Federazione Nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche), Anima (Federazione Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica varia e affine), Assica (Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi), Assocomaplast (Associazione Nazionale Costruttori macchine e Stampi per materie plastiche e gomma) e Ucimu (Associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione e di prodotti ausiliari). Expo sarà inoltre un’occasione per promuovere incontri bilaterali internazionali (B2B) di promozione tra le associazioni industriali e le delegazioni istituzionali straniere che parteciperanno.
Soddisfazione per l’intesa ha espresso anche Diana Bracco: «La partnership con Confindustria è particolarmente importante – ha commentato – perché permetterà di mostrare al mondo un’Italia all’avanguardia, capace di costruire il futuro puntando su ricerca e innovazione». In questo senso assume un valore simbolico la decisione di Confindustria di organizzare all’interno del sito espositivo la sua assemblea generale del 2015, spostandola per la prima volta, dopo oltre 60 anni, dalla storica location di Roma.
I due presidenti non nascondono le difficoltà che sta vivendo Expo in questi mesi, in seguito alle inchieste sugli appalti. Ma, ha detto Bracco rispondendo ai giornalisti, «non si può demordere e rinunciare a un evento così importante. L’Expo deve diventare un progetto che aiuti il Paese a ritrovare speranza e unità, mostrando al mondo di sapersi rinnovare e rigenerare. Per questo lo slogan che abbiamo voluto abbinare al logo del nostro Padiglione è “Orgoglio Italia”». Sulla stessa linea Giorgio Squinzi: «Saremo estremamente rigorosi nell’applicare il Codice etico – ha detto ai giornalisti –: quello che è successo non dovrà trovare la presenza e l’acquiescenza delle nostre imprese di sistema».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa