Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Confidi più forti per le pmi

Estendere le garanzie di accesso al credito anche ai liberi professionisti. Rafforzare l’operazione di patrimonializzazione dei confidi in particolar modo per i soggetti vigilati. Istituire una banca dati nazionale per censire gli aiuti pubblici ai confidi statali, regionali, del sistema camerale e del Fondo europeo per gli investimenti (Fei) per valutarne l’efficienza e l’equità della distribuzione. Introdurre un regime premiale per i soggetti più efficienti e funzionali. Disporre, infine, un sistema di monitoraggio per valutare la coesistenza dei confidi vigilati e non vigilati. Queste le proposte di modifica presentate al ddl n. 1259 (delega al governo per la riforma della normativa in materia di Confidi) al vaglio della Commissione finanze del senato. Le votazioni al testo, al momento in stand-by in attesa del via libera della Commissione bilancio, dovrebbero avere inizio oggi in tarda serata anche se, i lavori della Commissione potrebbero far slittare l’inizio delle votazioni a domani.

I contenuti. Si appresta, quindi, a entrate nel vivo l’iter della delega che entro un anno dovrebbe portare all’attuazione della riforma dei confidi a costo zero. Obiettivo della riforma, favorire un migliore accesso al credito per le pmi e per i professionisti che hanno beneficiato dell’estensione della disciplina dei confidi attraverso la legge 106/2011. Il tutto, tramite il rafforzamento della patrimonializzazione dei confidi e incentivi ad hoc per la raccolta di risorse pubbliche, private e del terzo settore. Il ddl prevede, inoltre, percorsi di semplificazione e vigilanza. Uno dei dlgs, infatti, dovrà prevedere, al fine di favorire un migliore accesso al credito per le pmi e professionisti, la semplificazione degli adempimenti e il contenimento dei costi. Non solo. Sono, infatti, previste anche disposizioni per la razionalizzazione degli adempimenti a carico dei confidi eliminando le duplicità di attività già svolte dalle banche o da altri intermediari.

Sul fronte della vigilanza, invece, una delle proposte di modifica mira alla creazione di una banca dati nazionale con il preciso scopo di censire gli aiuti pubblici ai confidi statali, regionali, del sistema camerale e del Fei, in modo da misurare l’impatto si beneficiari finali.

In parallelo, poi, è prevista una attività di monitoraggio dello stato di attuazione della normativa al fine di valutare se e come possono coesistere due modelli di confidi, quello vigilato e quello non vigilato.

Infine, da un punto di vista formale, il testo, che consiste in un unico articolo, concede al Parlamento 30 giorni di tempo per esprimere i pareri ai dlgs. In caso di particolare complessità della materia, infine, i 30 giorni possono diventare 60.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa