Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per i confidi 20 milioni di euro

Confidi all’incasso con dote da 20 mln di euro. Da ieri possono richiedere al ministero dello Sviluppo economico un contributo rimborsabile, concesso a fronte del subentro in qualità di garanti dei finanziamenti precedentemente rilasciati alle Pmi dalle società e dagli enti di garanzia posti in liquidazione. La domanda redatta in formato elettronico, deve essere sottoscritta con firma digitale dal legale rappresentante del confidi. O da un suo procuratore speciale. Deve essere presentata al MiSe a mezzo Pec all’indirizzo: info.contributi-frc@pec.mise.gov.it. Le istruzioni sono state fornite dal ministero dello Sviluppo economico, guidato da Carlo Calenda, con una nota tecnica de 28 febbraio 2018 sulle modalità di accesso agli incentivi finanziari riservati ai confidi.

Evoluzione legislativa. Il decreto ministeriale del 17 luglio 2017, operando in sinergia con la misura prevista dal decreto interministeriale del 3 gennaio 2017, ha introdotto disposizioni che favoriscono la transizione delle garanzie prestate da società ed enti di garanzia posti in stato di liquidazione verso confidi sani e pienamente operativi, con la finalità di limitare il più possibile le ripercussioni negative sul tessuto delle Pmi italiane (si veda ItaliaOggi 10 gennaio 2018).

Entità e finalità del contributo. Il contributo rimborsabile può essere concesso fino al 4% dell’importo totale delle garanzie su finanziamenti a Pmi nelle quali è subentrato il confidi richiedente alla data di presentazione della domanda. Il contributo è destinato ad alimentare il fondo rischi . Può essere utilizzato unicamente per la concessione di nuove garanzie in favore delle Pmi associate al confidi beneficiario.

Soggetti richiedenti. La domanda di contributo può essere presentata dai confidi iscritti all’albo degli intermediari finanziari (articolo 106 del dlgs 1° settembre 1993, n. 385), i quali:

  • abbiano richiesto o ottenuto il contributo per la costituzione del fondo rischi;
    – siano subentrati, in qualità di garanti, in garanzie su finanziamenti in bonis già rilasciate Pmi da società ed enti di garanzia posti in liquidazione. Il subentro deve essere avvenuto successivamente al 28 settembre 2017.Le garanzie oggetto di subentro devono essere di importo non inferiore al 25% del capitale sociale del confidi richiedente, come risultante dall’ultimo bilancio approvato alla data di presentazione della domanda.

Requisiti dei confidi beneficiari. I confidi devono aver ottenuto o presentato la domanda del contributo, finalizzato alla costituzione di un distinto fondo rischi per la concessione di nuove garanzie alle Pmi. Inoltre devono aver effettuato, dopo il 28 settembre 2017, il subentro per un importo non inferiore al 25% del proprio capitale sociale

Marco Ottaviano

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa