Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Condominio, una mail per i corsi

Ultimo tassello per la partenza dei corsi di formazione di amministratori condominiali: la mail cui inviare i nomi di formatori e direttori scientifici, nonché l’inizio e i temi del corso è stata definita dal ministero della Giustizia.
In un comunicato diffuso ieri sul sito del ministero si legge che l’indirizzo di posta elettronica, cui inviare i nomi tramite posta certificata, è: ufficio3.dgcivile.dag@giustiziacert.it.
Il chiarimento era atteso dalle associazioni di categoria e dagli enti che nel frattempo hanno organizzato i corsi in base a quanto dettato dal Dm 140/2014, che all’articolo 5, comma 4 «l’inizio di ciascun corso, le modalità di svolgimento, i nominativi dei formatori e dei responsabili scientifici siano comunicati al ministero della Giustizia non oltre la data di inizio del corso, tramite posta certificata».
I corsi di formazione iniziale sono obbligatori per tutti neo amministratori (sono esclusi dal requisito, indispensabile per poter svolgere la professione, coloro che, tra il 18 giugno 2010 e il 18 giugno 2013 hanno svolto la professione per almeno un anno), mentre quelli di formazione periodica lo sono per tutti. Completamente esenti da qualunque tipo di formazione, invece, sono i condòmini che amministrano direttamente lo stabile in cui possiedono un’unità immobiliare.
Un piccolo problema di transizione si pone ora per chi (diverse associazioni di amministratori) ha già iniziato i corsi: ma di fatto, essendo un obbligo per la cui violazione non sono previste sanzioni, non dovrebbe accadere nulla se l’adempimento verrà effettuato tempestivamente. Del resto, la logica della legge 220/2012 e del Dm 140/2014 è quella di affidare ai condòmini il controllo sulla regolarità dei corsi svolti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa