Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Concordato finanziamenti prededucibili

Il debitore che presenta una domanda di concordato preventivo in bianco, una domanda di omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti ex articolo 182-bis, comma 1, della legge fallimentare (l.f.) o una proposta di accordo ex articolo 182-bis, comma 6, l.f. può chiedere al tribunale di essere autorizzato, in via d’urgenza, a contrarre finanziamenti prededucibili ex articolo 111 l.f. Lo prevede l’articolo 182-quinquies l.f. novellato dal dl 85/2015 convertito in legge 132/2015.

Per poter avanzare la richiesta dei predetti finanziamenti gli stessi devono essere funzionali a urgenti necessità relative all’esercizio dell’attività aziendale fino alla scadenza del termine assegnato dal tribunale per la presentazione della domanda piena di concordato o la richiesta di omologazione dell’accordo di ristrutturazione.

La richiesta, che può riguardare anche il mantenimento di linee di credito autoliquidanti preesistenti, deve essere ben motivata e specificare in maniera chiara: a) la destinazione dei finanziamenti richiesti; b) che il debitore non è in grado di reperire altrimenti tali finanziamenti; c) che in mancanza di tali finanziamenti l’azienda subirebbe un pregiudizio imminente ed irreparabile.

Sulla richiesta il tribunale deve decidere, con provvedimento motivato in camera di consiglio, entro dieci giorni dal deposito della richiesta assunte sommarie informazioni sul piano e sulla proposta in elaborazione, sentito il commissario giudiziale se nominato ed ove ritenuto opportuno i maggiori creditori senza formalità di rito.

Se da una parte l’autorizzazione ad accedere ai finanziamenti prededucibili urgenti consente di preservare l’azienda dall’altra gli stessi devono essere finalizzati e limitati a un periodo temporale prestabilito. L’autorizzazione ad accedere ai predetti finanziamenti consente al debitore di tamponare la situazione iniziale salvaguardando il valore dell’azienda e di ben strutturare l’operazione di risanamento per mantenere la stessa sul mercato e che interessa tutte le parti coinvolte: debitore da una parte e creditori dall’altra.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa