Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Concordati preventivi, la manovra aggiunge al conto l’Iva a debito

Quando, dopo il suo compimento, un’operazione rilevante ai fini Iva viene meno (in tutto o in parte), l’articolo 26 del Dpr 633/1972 dà al cedente o prestatore la facoltà di emettere una nota di variazione in diminuzione, per consentirgli di recuperare l’imposta inerente al relativo corrispettivo. Qualora il cedente o prestatore si avvalga di tale facoltà, il cessionario deve annotare la nota di variazione in diminuzione rilevando un corrispondente debito, o un minor credito, verso l’erario.
Prima dell’entrata in vigore della legge 208/2015, l’articolo 26 non prevedeva regole particolari in ordine all’assolvimento di tale obbligo per il debitore assoggettato a una procedura concorsuale, sicché, in base alla regola generale, quest’ultimo avrebbe dovuto registrare a debito la maggior imposta a suo tempo detratta. Ciò nonostante, con la risoluzione 161/E del 2001, l’amministrazione finanziaria aveva affermato che l’emissione del documento dopo la chiusura del concordato preventivo non avrebbe comportato per il debitore l’obbligo di soddisfare il relativo debito Iva, per l’effetto esdebitatorio generato dall’articolo 184 della Legge fallimentare, concernente anche la componente del credito rappresentata dal tributo addebitato a titolo di rivalsa (in senso analogo si era espressa con la risoluzione 155/E del 2001 riguardo al fallimento).
La legge 208/2015 disciplina la fattispecie, stabilendo (secondo periodo del comma 5 dell’articolo 26, con effetto peraltro dal 1° gennaio 2017) che l’obbligo per il debitore di trattare la nota di variazione in diminuzione alla stregua di una fattura attiva non si applica alle «procedure concorsuali indicate nel comma 4, lett. a)».
Ma l’articolo 71 del disegno di legge di bilancio 2017 riformula questa norma abrogando il comma 4 e le altre disposizioni che lo richiamano, compreso il menzionato secondo periodo del comma 5. Così viene ripristinata la situazione preesistente alle modifiche recate dalla 208/2015, nel senso che il nuovo articolo 26 tornerebbe a non disporre alcunché circa gli adempimenti del debitore assoggettato a una procedura concorsuale, ferma restando la regola generale che impone al debitore di registrare a debito l’imposta oggetto di rettifica tramite la nota di variazione di cui si è detto.
Ciò significa che la disciplina sarà quindi quella individuata dalle citate risoluzioni? A ben vedere, il fatto che il legislatore prima abbia disposto l’esclusione del suddetto obbligo per poi disporre diversamente, potrebbe far ritenere superato il precedente orientamento delle Entrate, che del resto non è mai stato del tutto convincente. Questa ipotesi sembrerebbe confermata dai princìpi generali: ai sensi dell’articolo 184 della Legge fallimentare, a venir meno è esclusivamente il debito formatosi prima dell’apertura del concordato; il debito verso l’erario originato dalla nota di variazione in diminuzione, invece, sorge solo nel momento in cui essa viene emessa e, dunque, necessariamente dopo l’apertura della procedura (o della stipula di un accordo ex articolo 182-bis).
Dunque, salvo diversa previsione normativa, il debito erariale non dovrebbe essere oggetto di esdebitamento ai sensi dell’articolo 184 della Legge fallimentare, non sorgendo prima della data di effetto della domanda di concordato preventivo. Dall’abrogazione del secondo periodo del comma 5 dell’articolo 26 discenderebbe così un ulteriore aggravio per le procedure concorsuali: l’ammontare dei debiti da soddisfare dovrebbe comprendere quello per l’Iva che si rende dovuta dal debitore a causa del ricevimento delle note di variazione. Ma l’abrogazione del secondo periodo del comma 5 potrebbe essere dovuta a una sorta di disguido legato all’abrogazione del comma 4 dell’articolo 26, sorto in sede di riformulazione di tale norma. Se così fosse, la legge di bilancio 2017 potrebbe limitarsi a prevedere la soppressione delle parole «indicate nel comma 4, lett. a)» presenti nel secondo periodo del comma 5, anziché dell’intero periodo, salvando la deroga (e i conti delle procedure).

Giulio Andreani
Angelo Tubelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il titolo Stellantis ha debuttato ieri in Borsa a Milano e Parigi, mettendo a segno un rialzo del 7,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la contesa per il successore di Jean Pierre Mustier, costretto dal cda a lasciare Uni...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha ampliato le disuguaglianze economiche tra i cittadini e l’educazione finanziaria è...

Oggi sulla stampa