Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Comuni, la mannaia dei tagli

La mannaia della «spending review» targata Monti si abbatte sui comuni, con un una sforbiciata complessiva da 2.250 milioni di euro. È quasi arrivato al capolinea, infatti, il decreto del ministero dell’interno che ripartisce la riduzione prevista dall’art. 16, comma 6, del dl 95/2012: il provvedimento era atteso da diversi mesi, ma i dati sono stati resi disponibili solo ieri sul sito della Direzione centrale per la finanza locale, in attesa della pubblicazione sulla G.U.

I numeri, in ogni caso, sono già incorporati in quelli sul riparto del fondo di solidarietà comunale, che è stato distribuito al netto dei tagli a carico di ogni amministrazione.

Per calcolare questi ultimi, in mancanza di un diverso accordo fra i sindaci basato su parametri maggiormente «meritocratici» (e segnatamente sui fabbisogni standard di spesa), si è fatto riferimento alle uscite per consumi intermedi rilevate dal sistema Siope negli anni 2010-2012. In precedenza, il riferimento temporale era al solo 2011, ma è stato esteso a una base triennale per evitare di penalizzare gli enti che avessero avuto picchi anomali di uscite concentrati in tale anno. Contestualmente, è stata prevista una clausola di salvaguardia che ha ridotto al 6% la variazione dovuta al cambio della base di calcolo. Un’altra clausola di salvaguardia ha invece limitato per ciascun comune la riduzione al 250% del dato medio degli enti rientranti nella stessa classe demografica di appartenenza. Anche con questi accorgimenti, tuttavia, i risultati dei conteggi risultano assai discutibili: il problema è che i consumi intermedi includono, oltre alle spese per l’acquisto di beni di consumo, materie prime e utilizzo di beni di terzi, anche quelle per prestazioni di servizi. Ciò porta, di conseguenza, a penalizzare non solo le amministrazioni più inefficienti, ma anche quelle che raggiungono livelli più elevati di servizi a cittadini e imprese. Basta guardare ai dati dei comuni capoluogo per capire la dimensione della questione: a fronte di un taglio pro-capite medio di circa 66 euro, si passa dagli oltre 100 euro di L’Aquila e Milano ai meno di 50 di Bari, Napoli e Campobasso. Ma spulciando nelle 58 pagine dell’elenco allegato al dm, saltano fuori altre sorprese: ad esempio, a Prunetto, in provincia di Cuneo, ognuno dei 468 residenti «paga» in media poco meno di un cittadino milanese. Livelli di spesa da metropoli? Sì, ma solo per una ragione meramente contabile: a Prunetto, il comune gestisce in via diretta l’unico distributore di carburante della zona, il che fa schizzare verso l’altro il dato Siope e quindi l’importo del taglio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa