Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Compensazioni per un milione. Partite Iva, contabilità più semplice

ROMA — Compensazioni fiscali, semplificazioni contabili, nuovi bond. Il pacchetto per lo Sviluppo, assai eterogeneo, è pronto per l’esame oggi in Consiglio dei ministri, a cura di Corrado Passera. Consiglio che potrebbe cominciare anche a discutere del piano merito, ma in veste di decreto (e non più ddl) per accelerarne l’applicazione.
Le risorse dei fondi rotativi e per l’Innovazione confluiscono nel «fondo per la crescita sostenibile» a finanziare progetti dalla ristrutturazione degli impianti, soprattutto al Sud, all’internazionalizzazione delle imprese. Due miliardi arriveranno dalle risorse inutilizzate del fondo per i finanziamenti agevolati.
Salta invece il credito d’imposta che avrebbe concesso a tutte le imprese che effettuano ricerca e sviluppo un vantaggio fiscale del 30% su una spesa annua di almeno 50 mila euro e per un massimo di 600 mila annui. Tra le spese si sarebbero potute conteggiare anche quelle per il personale: fino al 100% se si assume in apprendistato un laureato in materie tecnico-scientifiche; all’80% per le altre lauree, anche triennali, o per i diplomi tecnici; al 60% per gli altri diplomi; al 50% se i contratti sono a progetto. Il problema è forse stata la copertura: sarebbero mancati i 510 milioni necessari.
Il decreto riserva risorse per 242,5 milioni a programmi di riqualificazione industriale, cofinanziati dalle Regioni. Mentre per i progetti sostenuti dalla legge 488, si prevede la conclusione accelerata o la revoca se non sono stati presentati i progetti dopo l’approvazione del Cipe.
Con effetto dal 1° gennaio 2012 dovrebbe raddoppiare la soglia di compensazione dei crediti fiscali, passando da 516.456,90 euro a un milione che diventerebbero 2 per le società con bilancio certificato e 5 per le quotate. Passerà invece da 400 mila a 600 mila euro il tetto dei ricavi al di sotto del quale le imprese di servizi possono accedere alla contabilità semplificata (tetto da 700 mila a un milione per le altre imprese). Dovrebbero essere estese a tutte le Srl le misure di semplificazione che finora valevano per gli under 35 anni. L’entrata in vigore del Sistri (tracciabilità rifiuti) dovrebbe essere prorogata al 31 dicembre 2013.
Il trattamento fiscale dei titoli di Stato sarà esteso ai project bond (obbligazioni per le infrastrutture) e ai minibond, i titoli che potranno essere emessi dalle piccole e medie imprese non quotate per finanziarsi.
Novità anche per la legge fallimentare: nel caso di concordato con continuità aziendale si prevede un regime speciale che evita la risoluzione dei contratti pendenti e consente la moratoria di un anno per il pagamento dei crediti privilegiati o garantiti. Tra le norme giuridiche, spicca quella che fissa a 6 anni la massima durata dei processi.
Viene risolto il problema dell’Iva sull’invenduto oltre 5 anni: sarà possibile cancellare l’esenzione su opzione dell’impresa cedente. Tra le misure spot, un milione andrà al Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti da distribuire mediante organizzazioni caritatevoli.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La collaborazione tra gli Stati sulla pandemia può diventare un modello funzionale anche per comba...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dai 4 mila metri quadri del data center di Sogei, stanzoni refrigerati pieni di server, passa buona...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Giudizio negativo». Cgil, Cisl e Uil bocciano il governo sul taglio delle tasse da 8 miliardi, d...

Oggi sulla stampa