Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

E-commerce, l’Italia sale del 17%

Continua l’espansione dell’e-commerce in Italia, arrivando a totalizzare 23,6 miliardi nel 2017 (+17% rispetto al 2016). Per la prima volta gli acquisti online di prodotti superano quelli di servizi, grazie soprattutto alla crescita di informatica ed elettronica, dell’abbigliamento, del food & grocery (alimentari, ndr) e dell’arredamento e home living. È questa la fotografia del mercato del commercio elettronico delineata dall’Osservatorio eCommerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm.

«Per la prima volta nella storia dell’e-commerce italiano, i prodotti crescono ben più dei servizi, con un peso dell’e-commerce sul totale degli acquisti retail degli italiani che sale al 5,7%», spiega Roberto Liscia, presidente di Netcomm (consorzio per il commercio elettronico italiano). «Sono dati certamente incoraggianti anche se ancora non sufficienti a dichiarare maturo e dinamico il settore nel nostro paese, dove i modelli di business stanno cambiando rapidamente e facilitando nuovi ingressi».

Nel 2017, gli acquisti online di prodotti (pari a 12,2 miliardi) aumentano del 28%, mentre quelli di servizi del 7% (arrivando a 11,4 miliardi).

Per quanto riguarda i prodotti, a primeggiare è il settore dell’informatica ed elettronica di consumo con circa 4 miliardi di euro (a +28%). Crescono anche gli acquisti nell’abbigliamento (+28%) e raggiungono 2,5 miliardi di euro, il food & grocery (+43%), l’arredamento e home living (+31%) con 900 milioni di euro ciascuno, cui segue l’editoria con 840 milioni di euro (+22%), mentre gli acquisti in tutti gli altri comparti di prodotto valgono insieme 3,2 miliardi di euro, in aumento del 27% rispetto al 2016, con un buon andamento dei ricambi auto, del beauty (bellezza, ndr) e dei giocattoli.

Prendendo in considerazione i servizi, il mondo del turismo e trasporti si conferma il primo comparto con 9,2 miliardi (+7%), grazie soprattutto all’acquisto di biglietti per i trasporti ferroviari e aerei, alla prenotazione di appartamenti e di case vacanza e di camere di hotel.

«Il tasso di penetrazione degli acquisti online sul totale retail passa dal 4,9% del 2016 al 5,7% del 2017 con i prodotti al 4% e i servizi al 9%. E i tassi più alti sono stati raggiunti da informatica ed elettronica di consumo, con il 20%, e dal turismo, con il 30%», sottolinea Valentina Pontiggia, direttore dell’Osservatorio. «Il ritardo dell’Italia rispetto ai principali mercati e-commerce permane ed è riconducibile alla ridotta penetrazione nei comparti di prodotto e specialmente nel food & grocery. Nonostante il fermento imprenditoriale degli ultimi anni, il settore non è in grado di garantire una copertura territoriale diffusa e omogenea sul territorio italiano: solo il 15% della popolazione infatti può effettuare online la spesa da supermercato con un livello di servizio idoneo, mentre un altro 55% della popolazione ha un accesso solo potenziale all’e-commerce, tramite iniziative sperimentali, isolate e con limitata capacità».

In tutto ciò, l’export, inteso come il valore delle vendite da siti italiani a consumatori stranieri, raggiunge i 3,5 miliardi di euro, rappresentando il 16% delle vendite e-commerce totali. I prodotti, grazie a una crescita del 19%, totalizzano 2,3 miliardi di euro (il 67% delle vendite oltreconfine), dovuti in gran parte all’abbigliamento che pesa per il 65%, mentre i servizi arrivano a 1,2 miliardi di euro.

Un altro trend che non smette di avanzare è il mobile: un terzo degli acquisti online, a valore, è concluso attraverso lo smartphone o il tablet.

Irene Greguoli Venini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa