Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Clausola ad hoc nei contratti

In caso di vendita o locazione di un appartamento il venditore (o locatore) deve consegnare all’acquirente o inquilino l’attestato di certificazione (o di qualificazione) energetica (la consegna può avvenire anteriormente, contestualmente o anche successivamente all’atto di trasferimento del bene o di concessione del medesimo in godimento). La violazione di tale obbligo di consegna non determina la nullità dell’atto, ma potrebbe determinare la responsabilità civile del proprietario o del costruttore nei confronti dell’acquirente. Inoltre nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unità immobiliari deve quindi essere inserita un’apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici.

Nel caso di locazione, la disposizione in questione si applica solo agli edifici e alle unità immobiliari già dotate di attestato di certificazione energetica. In ogni caso merita di essere segnalato che già a decorrere dall’1 gennaio 2012 gli annunci commerciali di vendita riportano l’indice di prestazione energetica contenuto nell’attestato di certificazione energetica. Ciò significa che, a partire dal 2012, la commercializzazione dei fabbricati, se effettuata a mezzo di annunci commerciali, richiede la preventiva predisposizione dell’attestato di certificazione energetica. Non è, invece, richiesta alcuna menzione di detto documento in sede di contratto preliminare di vendita. Tutto ciò comporta qualche obbligo in più anche per gli agenti immobiliari che, nel predisporre gli annunci commerciali relativi agli immobili a uso abitativo dovranno preoccuparsi di ricevere dal proprietario e visionare la predetta attestazione.

– La firma digitale. Merita infine di essere segnalato come alcune regioni (per esempio Liguria e Lombardia) abbiano imposto ai tecnici certificatori di redigere gli attestati di certificazione e di spedirli previa apposizione di firma digitale, a maggior garanzia di verifica e veridicità del proprio operato.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo Google, anche Facebook firma un accordo che apre la strada alla remunerazione di una parte del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se lavori, niente assegno di invalidità. Lo dice l’Inps nel messaggio 3495 del 14 ottobre scorso...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ripensare, allungare, integrare Quota 102-104, eredi di Quota 100, per anticipare la pensione: tutt...

Oggi sulla stampa