Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Circa 300 mln per congedi e bonus baby sitter

Poco meno di 300 milioni di euro per garantire i congedi o i bonus baby sitter ai lavoratori dipendenti che non possono svolgere la loro attività a distanza e che abbiano i figli contagiati o impossibilitati a svolgere la didattica a distanza. È quanto prevede il decreto legge recante misure per fronteggiare la diffusione del Covid-19 e interventi a sostegno dei lavoratori con figli minori in dad o in quarantena, la cui legge di conversione è stata discussa ieri in aula alla Camera dei deputati. Il dl, composto da 4 articoli, al primo di essi disciplinava le modalità di chiusura delle attività per il mese di aprile. Il secondo, invece, è titolato «lavoro agile, congedi per genitori e bonus baby sitter».

Il lavoratore dipendente genitore di figlio minore di 16 anni, alternativamente al genitore, potrà quindi «svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per un periodo corrispondente in tutto o in parte alla durata della sospensione dell’attività didattica o educativa in presenza del figlio, alla durata dell’infezione da Sars-Cov-2 del figlio, nonché alla durata della quarantena del figlio». Al lavoratore agile dovrà essere garantito «il diritto alla disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche». Nel caso in cui l’attività non potrà essere svolta in modalità agile, come detto, i genitori di figli minori di 14 anni potranno «astenersi al lavoro per un periodo corrispondente in tutto o in parte alla durata della sospensione dell’attività didattica o dell’infezione o la quarantena del figlio». Per i periodi di astensione, al lavoratore sarà riconosciuta un’indennità pari al 50% della propria retribuzione. Ai lavoratori autonomi e a tutti i professionisti sanitari viene invece destinato un bonus da usare per servizi di baby-sitting o per centri estivi o ricreativi. Il bonus sarà di 100 euro a settimana al massimo e potrà essere fruito solo nel caso in cui l’altro genitore non abbia goduto di nessuna misura definita dal decreto.

I benefici descritti saranno erogati nel limite massimo di spesa di 299,3 milioni di euro. Si attende ora un provvedimento dell’Inps per conoscere le modalità operative per accedere alla misura.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo Google, anche Facebook firma un accordo che apre la strada alla remunerazione di una parte del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se lavori, niente assegno di invalidità. Lo dice l’Inps nel messaggio 3495 del 14 ottobre scorso...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ripensare, allungare, integrare Quota 102-104, eredi di Quota 100, per anticipare la pensione: tutt...

Oggi sulla stampa