Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I cinque giganti dell’hi-tech sono la terza potenza mondiale

La pandemia regala un anno d’oro ai giganti dell’hi-tech e trasforma Microsoft, Apple, Alphabet, Amazon e Facebook nella terza potenza economica mondiale dopo Usa e Cina: la corsa dei titoli delle cinque star di Wall Street ha spinto il loro valore in Borsa a 7,8 trilioni di dollari, quasi il doppio del Pil del Giappone e cinque volte quello italiano. E il boom di smart-working, didattica a distanza, e-commerce e videogiochi causa Covid ha spedito alle stelle i loro bilanci: i profitti complessivi nell’ultimo trimestre 2020 (quando hanno guadagnato in media 834 milioni al giorno) sono decollati del 43%. I ricavi 2020 hanno polverizzato quota mille miliardi, pari a qualcosa come 2,8 miliardi di incassi ogni 24 ore. Numeri “monstre” che si sono trasformati in un boomerang, viste le inchieste aperte dalle autorità antitrust in Usa e Ue per il rischio di oligopolio digitale.
Il coronavirus del resto – come ha ammesso il numero uno di Microsoft Satya Nadella – «è stato l’alba di una nuova epocale trasformazione tecnologica». I numeri confermano: Apple ha venduto tra ottobre e dicembre 2020 un milione di iPhone al giorno (con un +57% in Cina), un record assoluto. Amazon ha assunto in un anno 400 mila persone per star dietro alla valanga di ordini e ha incassato per la prima volta nella sua storia più di un miliardo al giorno. Microsoft ha visto crescere del 40% la domanda per la console Xbox mentre gli utenti giornalieri di Teams – la piattaforma per le videoconferenze che ha spopolato in pandemia – sono saliti dai 40 milioni di aprile scorso ai 115 milioni di oggi. Facebook e Google hanno consolidato il loro dominio sul mercato pubblicitario mondiale: gli incassi di Youtube, per dire, sono aumentati del 70%, mentre il social di Mark Zuckerberg controlla ormai secondo Emarketer il 24% della torta degli spot.
La Borsa ha seguito in fotocopia il boom dei business. Apple (+82% da inizio 2020) capitalizza 2,2 miliardi, più o meno come il Pil della Francia. Amazon (+81%) viaggia ai suoi massimi storici e ha spinto a 200 miliardi il valore del tesoretto azionario di Jeff Bezos. L’unico numero che stenta a decollare è quello delle tasse pagate dai colossi hi-tech. L’ottimo lavoro di ottimizzazione (le malelingue dicono evasione) fiscale fatto dai loro uffici tributari ha consentito di limitare al 14% l’aliquota fiscale pagata sugli utili complessivi.
Il problema di big-tech, in questo momento, è per assurdo proprio il suo successo. La Ue ha allo studio due provvedimenti legislativi (il Digital market act e il Digital service act) destinati a ridisegnare le regole delle piattaforme con il rischio di multe pesanti per chi non rispetterà i paletti più rigidi di Bruxelles. «Molte imprese hi-tech sembrano essere diventate troppo grandi per disinteressarsi agli effetti che producono su cittadini, imprese, società e democrazia», ha detto Thierry Breton, commissario Ue al mercato interno. Il Parlamento Usa ha alzato i toni in modo bipartisan contro i colossi digitali e non a caso è già partita una maxi- causa per pratiche anti-concorrenziali contro Google.
Altro capitolo delicatissimo è quello tributario. L’Ocse ha allo studio un progetto per tassare i colossi hi-tech nei Paesi dove formano il loro reddito e non in quelli dove le imposte sono più basse. Washington, sotto la guida di Donald Trump, si è messa di traverso ma l’arrivo di Biden potrebbe far girare ora il vento. E un accordo globale sulla web tax potrebbe frenare la corsa dorata delle stelle digitali di Wall Street.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa