Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Chi metterà i prossimi 28 miliardi in banca?

di Sergio Bocconi

Il primo è stato il Banco Popolare con un aumento da 2 miliardi. Ieri è partita la ricapitalizzazione maxi da 5 miliardi di Intesa Sanpaolo. Entro giugno Ubi avvierà l’operazione da un miliardo, Mps si rafforzerà con 2,4 miliardi e Bpm con 1,2 miliardi. In tutto 11,6 miliardi. Unicredit, che ha già chiesto ai soci 7 miliardi (3 con i cashes e 4 con un aumento), ripete da tempo che al momento non ha bisogno di ulteriori interventi. Quali saranno dunque i prossimi istituti a ricorrere al mercato per rispondere alle sollecitazioni di adeguamenti patrimoniali? Basilea 3 è progressiva e le norme saranno pienamente operative dal 2019. Però il direttore generale di Bankitalia, Anna Maria Tarantola, ha indicato che, secondo le stime del Comitato di Basilea le banche italiane dovrebbero aumentare la dotazione di capitale di 40 miliardi. E Mediobanca securities aveva calcolato una raccolta di nuove risorse per le prime sette banche pari a 22 miliardi. È vero che, almeno in teoria visto il calendario d’introduzione delle nuove regole, non c’è fretta. Ma è altrettanto vero che da un lato gli stress test, dall’altro il mercato che già si interroga se le banche siano oggi in grado di adeguarsi ai nuovi parametri, sembrano suggerire di procedere con prontezza. È chiaro che non tutti possono dare il via contemporaneamente, il mercato non reggerebbe, ma gli analisti si interrogano sugli oltre 28 miliardi che mancano «all’appello» secondo le cifre indicate da Bankitalia. Se anche Unicredit dopo l’estate si aggiungesse alla lista delle ricapitalizzazioni, il divario sarebbe tutt’altro che colmato. Chi saranno dunque i prossimi banchieri a dire «tocca a me?».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa