Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Cdp fa l’offerta per Aspi e la valuta circa 9 miliardi

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l’88% di Aspi è stata approvata (ma non ancora recapitata al venditore Atlantia): Cdp, in cordata con i fondi Blackstone e Macquarie, presenterà all’azionista di controllo della società che ha la concessione autostradale la sua proposta vincolante, votata all’unanimità, estesa al 100% di Aspi se i soci di minoranza eserciteranno l’opzione di co-vendita. L’obiettivo è di ammodernare la rete e accelerare i programmi di manutenzione. Senza condizioni di sindacazione o di finanziamento (come aveva chiesto il venditore) se non l’ok al Pef – il Piano economico finanziario – che però dovrebbe avere la strada spianata.
Almeno, questo dovrebbe essere il canovaccio, perché in realtà il comunicato ufficiale della Cassa dà conto del via libera a Cdp equity, affinché presenti l’offerta vincolante, senza molti dettagli finanziari. “Colpa” della complessità dei passaggi: dopo Cdp infatti si devono pronunciare i Comitati investimenti dei due fondi esteri (Macquarie si riunisce stamane). Solo a valle del percorso verrà recapitata ad Atlantia l’offerta formale. Che, secondo le indiscrezioni, dovrebbe valorizzare il 100% di Aspi intorno a 9 miliardi (compresa la manleva). Dunque, alla società che fa capo ai Benetton (ma in cui c’è anche il riottoso fondo Tci, e non solo) andrebbe un assegno da 7,9 miliardi, probabilmente in varie tranche (forse tre). A fare l’offerta sarà la cordata che vede al 51% Cdp, o per meglio dire la componente italiana, perché la quota della Cassa potrebbe vedere la partecipazione di alcuni investitori istituzionali anche se Cdp resterà il principale socio. I fondi esteri hanno quote paritarie.
Il nodo, tuttavia, resta il prezzo. L’offerta sarà ritenuta congrua da Atlantia? Per ben due volte la forchetta 8,5-9,5 miliardi non è stata ritenuta adeguata, però è anche vero che la fase pre-negoziale è cosa diversa dalla valutazione di un’offerta vincolante e definitiva. Il cda di Atlantia è fissato da tempo per il 26 febbraio (i termini per la presentazione dell’offerta del resto scadono oggi) e da quello che si intuisce si prenderà tutto il tempo che serve per arrivare a una conclusione. Anche facendosi assistere dai propri advisor (in primis, Jp Morgan). È comunque ragionevole che, ove l’offerta non venga rifiutata subito dal consiglio, il cda convochi un’assemblea per far valutare ai soci il destino della loro preziosa – ma anche tribolata – partecipazione, su cui è in corso un processo di scissione (che, proprio in attesa dell’offerta di Atlantia, fino a questo momento è andato avanti a rilento). Il fondo Tci pochi giorni fa ha ribadito che a suo giudizio la valutazione di Aspi è tra gli 11 e i 12 miliardi. Non è certo l’unico a votare, in un’ipotetica assemblea: i Benetton hanno “solo” il 30,25%, il fondo di Singapore ad esempio è all’8,29%, Hsbc ha il 5%, l’italianissima Fondazione Crt ha il 4,85% e, in questa partita, ha più volte fatto trasparire la necessità di valutare correttamente l’asset.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo settimane di ostinati dinieghi, come succede in casi simili, il Crédit Agricole deve fare i co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo prova a mettere ordine nella giungla dei commissari straordinari delle crisi aziendali. A...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Borsa dei Bitcoin si è quotata in Borsa, e vale 100 miliardi di dollari. Ieri è stato il giorno...

Oggi sulla stampa