Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Cattolica con i soci storici Ubi Exane: aderite all’Ops di Intesa

Il fronte anti-Intesa Sanpaolo nell’offerta di scambio su Ubi Banca si estende e vede schierarsi dalla parte dei soci storici anche Cattolica Assicurazioni. La cooperativa di Verona — partner di Ubi nella bancassicurazione, sia pure con un accordo in scadenza — ieri ha comunicato di aver raddoppiato la quota in Ubi dallo 0,5 all’1% e di essere entrata nel patto di consultazione Car — Comitato azionisti di riferimento —, che è la compagine maggiore di azionisti dell’istituto guidato da Victor Massiah e raccoglie le due fondazioni maggiori Cr Cuneo (5,9%) e Banca del Monte di Lombardia (Fbml) con il 3,95% e un gruppo di imprenditori con circa l’1% a testa. Con la compagnia presieduta da Paolo Bedoni il Car si è portato al 18,7% di Ubi.

Nei giorni scorsi il Car ha dichiarato la propria opposizione all’Ops del colosso guidato da Carlo Messina — assistito da Mediobanca e dallo studio Pedersoli — di 17 nuove azioni Intesa Sanpaolo ogni 10 Ubi (che è assistita da Credit Suisse e dai legali di EredeBonelli e Linklaters), finalizzata alla fusione delle banche. Secondo il Car l’offerta è «ostile, non concordata, non coerente coi valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile».

Ieri si è fatta sentire anche la Fbml chiedendo a Intesa di «riconsiderare» l’offerta per i gravissimi effetti socioeconomici all’area di Milano-Pavia che può provocare per imprese e dipendenti. Una preoccupazione che Intesa punta a superare istituendo 4 direzioni nelle aree storiche di Ubi (Brescia, Bergamo, Cuneo, Pavia), con autonomia di fido.

La battaglia comunque è appena agli inizi: l’offerta vera e propria è attesa per luglio. Ma i fronti si stanno consolidando. Lunedì anche il bergamasco «Patto dei Mille» (ha l’1,6%) ha detto «no» all’Ops. Un rialzo del prezzo potrebbe spezzare forse il fronte dei soci Ubi, ma Messina ha lo escluso. Già così, analizza Exane, la proposta è vantaggiosa per il premio del 24% e perché dà ai soci Ubi la possibilità di ottenere dividendi raddoppiati nel periodo 2020-2023 e una redditività sopra il 10%. Se poi l’Ops superasse il 66,7% di adesioni, avvisa Exane, Intesa potrebbe offrire un concambio meno favorevole per la fusione ai soci Ubi che non hanno aderito.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa