Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Casse in aiuto dei professionisti

Misure assistenziali più robuste di quelle disposte per le calamità naturali. E (soprattutto) «in deroga ad eventuali limitazioni, o requisiti previsti nei regolamenti» delle Casse previdenziali professionali: è ciò che invoca l’Adepp (l’Associazione che comprende 20 Enti) che, nel pieno dell’emergenza sanitaria ed economica nata dalla diffusione del virus Covid-19, mette nero su bianco una lettera, a firma del presidente Alberto Oliveti, con specifiche istanze al ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, reiterando la richiesta di erogare la prevista indennità di 500 euro mensili (non tassati) non soltanto ai lavoratori autonomi iscritti all’Inps, ma pure a quelli associati agli Istituti privati (si veda ItaliaOggi del 6 marzo 2020). Nella missiva, spedita ieri, si esplicita la «necessità» che per gli Enti il termine di approvazione del Bilancio 2019 e, laddove previsto dagli statuti, della Revisione al Bilancio Preventivo 2020, «possa avvenire entro il 30 giugno 2020», mentre a quelli che, nel periodo emergenziale, siano interessati dal rinnovo degli organi collegiali, venga «riconosciuta la possibilità sospendere i procedimenti elettorali in corso» con contestuale «prorogatio» dei vertici attuali, circostanza che non dovrebbe, invece, riguardare gli Enti che, per gestire le fasi delle consultazioni (voto e scrutinio), si sono affidati alla modalità elettronica.

Quanto agli interventi di welfare, oltre a sollecitare, come accennato, di poter agire con meno «paletti» burocratici, l’Adepp reclama che «le indennità di carattere assistenziale, eventualmente riconosciute per effetto dell’emergenza epidemiologica dalle Casse sulla base dei propri regolamenti, non concorrano alla formazione del reddito, ai sensi del decreto del presidente della Repubblica n. 917 del 22 dicembre 1986».

In attesa delle repliche governative, da una prima ricognizione di ItaliaOggi (si veda la tabella in pagina) emerge che vari Enti hanno fatto slittare in avanti (di alcune settimane, o di diversi mesi) i termini di pagamento. Ed altri son pronti a fare altrettanto.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa