Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Casero: slittamento in arrivo per la voluntary disclosure 2 a dicembre

Proroga tecnica della voluntary disclosure bis a dicembre, con un provvedimento amministrativo che dovrà arrivare tra qualche giorno insieme a un secondo provvedimento con la proroga del modello 770. Per le modifiche normative, invece, si prende tempo, non ci sono i tempi e i veicoli tecnici, anche se al momento opportuno si valuterà se far diventare la misura una norma strutturale e permanente. Sono questi gli impegni che, ancora una volta, il viceministro all’economia Luigi Casero ha preso in tema di fiscalità e rientro dei capitali illecitamente detenuti all’estero, partecipando all’incontro di ieri organizzato da Dlapiper sulla capacità di Milano e dell’Italia di attrarre investimenti.

Trovano dunque conferma le anticipazioni di ItaliaOggi sul maggior tempo da concedere ai contribuenti ancora interessati a riportare in Italia capitali non dichiarati, detenuti all’estero e che non hanno colto l’occasione avuta con la finestra della prima collaborazione volontaria che ha fatto emergere patrimoni per 60 mld di euro e un gettito di oltre 4 mld. La seconda edizione, invece, non ha mai incontrato gli entusiasmi della platea dei contribuenti e con questo rinvio lungo si potrà ragionare anche sulle modifiche attese dai professionisti che concernono il contante. Casero si è anche detto favorevole a un’abolizione dell’Irap e a un’imposta unica.

Il sottosegretario alla giustizia Cosimo Ferri ha ricordato che c’è stata assunzione massiccia di magistrati e si sta pensando a soluzioni ad hoc per contenzioso pendente cassazione.

Alla tavola rotonda è intervenuto Antonio Tomassini, Dla piper chiedendo ai rappresentanti del ministero di estendere l’applicazione della cooperative compliance anche per le persone fisiche: «La cooperative compliance e l’interpello sui nuovi investimenti sono realtà di successo» ha evidenziato Tomassin, «che tendono a distendere i rapporti tra fisco e contribuente e a dare certezza del diritto, occorrerebbe introdurre la cooperative compliance anche per le persone fisiche; l’idea è quella di rendere alla prevedibilità dell’imposizione».

Cristina Bartelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa