Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Prima casa, bussola fiscale

Il contribuente che è già proprietario di un immobile acquistato come «prima casa» può avvalersi comunque del beneficio fiscale, a patto che la casa posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo acquisto, pena la perdita delle agevolazioni e una sanzione del 30%. Questa è una delle informazioni presenti nella nuova sezione di «l’Agenzia informa», dedicata a elencare i vari step da seguire per concludere l’acquisizione di un immobile in modo da usufruire di tutti i benefici previsti dalla legge, come le agevolazioni legate all’acquisto della prima abitazione. La guida è presentata in una nota dell’Agenzie delle entrate pubblicata ieri. Per prima cosa, viene consigliato di reperire il maggior numero di informazioni possibili in merito alla situazione catastale e ipotecaria dell’immobile in questione. A tal proposito, l’Agenzia mette a disposizione una serie di servizi come quello di ispezione ipotecaria, che permette di controllare se ci siano ipoteche o pendenze giudiziarie in capo all’appartamento. L’ispezione può essere richiesta online o presso gli uffici provinciali e territoriali. In entrambi i casi il servizio è gratuito. Una volta accertato che l’immobile è libero, si può procedere alla stesura del contratto preliminare che deve essere registrato entro 20 giorni dalla sottoscrizione pagando l’imposta di registro (200 euro) e l’imposta di bollo. La guida offre una panoramica delle imposte da versare, differenziando tra venditori privati e non. Nel primo caso, con vendita esente da Iva, l’acquirente dovrà pagare l’imposta di registro (misura proporzionale del 9%), l’imposta ipotecaria e catastale (misura fissa di 50 euro). Nel secondo caso, si dovrà pagare l’Iva al 10% e le imposte di registro, ipotecarie e catastali (200 Euro ciascuna). Discorso diverso per le acquisizioni di «prime case». Se la vendita è esente da Iva, l’imposta di registro sarà al 2% (invariate le alte imposte). Se la vendita è soggetta a Iva, l’aliquota è ridotta al 4%.

Michele Damiani

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa