Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Carige dimezza le perdite Fiducia sulla continuità

Banca Carige ha dimezzato la perdita nel primo semestre portandola a 49,9 milioni di euro, ha migliorato l’attività commerciale, ma non ha confermato i target dell’esercizio. Inoltre, se rimarrà in modalità stand alone oltre il 2021, servirà un rafforzamento patrimoniale. L’andamento economico del secondo trimestre mostra un recupero reddituale a -10,1 milioni contro i -39,7 del primo trimestre e i -42,7 del secondo trimestre 2020. Cresce la top line dei ricavi: +16,7% nel semestre rispetto all’analogo periodo del 2020.

La crescita spicca per il margine di interesse (74,7 milioni nei sei mesi, +30,1%). Gli indicatori patrimoniali si mantengono al di sopra dei requisiti regolamentari specifici: il Cet 1 phased-in è all’11,4% (rispetto all’8,55% richiesto) e il Total capital ratio al 13,7% (13,25%). Nel semestre, come effettuato a partire dal bilancio 2018, la banca, mantenendo un approccio conservativo, ha deciso di non iscrivere nuove Dta (attività fiscali differite) basate sulla redditività futura e non relative a differenze temporanee. Si sono invece iscritte, a differenza di quanto effettuato in passato e tenuto conto delle risultanze del probability test, Dta sorte a seguito del rigiro a maggior perdita fiscale di Dta iscritte in precedenza. L’effetto economico negativo sui primi sei mesi, derivante dalla mancata iscrizione di Dta, è stato pari a circa 14 milioni, per un totale Dta fuori bilancio di 505 milioni. Il complesso delle Dta iscritte a bilancio al 30 giugno risulta pari a 780 milioni.

«Carige mantiene il suo forte presidio sulla qualità degli asset creditizi e prosegue nella marcia di recupero della redditività, che diverrà più significativa nel corso dei prossimi trimestri in parallelo con il completamento delle varie attività previste nel piano», ha affermato l’amministratore delegato Francesco Guido. «I progressi sono il risultato della forza del suo personale e della fiducia confermata da centinaia di migliaia di famiglie e imprese».

Nel quadro delle significative incertezze e dei rischi rilevati e basandosi prudentemente su un perimetro d’analisi coerente con uno scenario stand alone oltre il 2021 (che, al verificarsi di determinate circostanze, renderebbe necessario procedere a un’operazione di rafforzamento patrimoniale e confermerebbe le incertezze sui tempi di recupero delle attività fiscali), gli amministratori ritengono che Carige abbia la ragionevole aspettativa di continuare la propria esistenza operativa in un futuro prevedibile e di rispettare nei prossimi dodici mesi i requisiti prudenziali minimi in materia di fondi propri e di liquidità richiesti in ambito Srep.

A piazza Affari il titolo Carige ha chiuso in progresso del 12,78%. E questo dopo che le azioni della banca ligure erano state sospese per eccesso di rialzo durante la seduta.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il Consiglio di Telecom Italia dà mandato all’ad Luigi Gubitosi di presentare insieme a Cdp, Sog...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca compra un premio su l mercato per contare di più in Generali, salire virtualmente al 17...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca rompe gli indugi e sostiene la propria linea su Generali rafforzando temporaneamente la ...

Oggi sulla stampa