Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Carige, continuità a rischio senza conversione dei bond

Un eventuale fallimento del piano di rafforzamento patrimoniale di Carige potrebbe mettere a rischio la continuità aziendale della banca. Lo indica il documento che Carige ha redatto, in risposta a una serie di chiarimenti chiesti da Consob, in vista dell’assemblea di domani, in cui si voterà l’aumento ci capitale. «La mancata esecuzione dell’aumento di capitale e dell’Lme (la conversione dei bond subordinati in bond senior, ndr) – si legge – potrebbe comportare effetti negativi rilevanti sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria complessiva, con eventuali impatti sulla continuità aziendale». L’istituto guidato da Paolo Fiorentino prevede di lanciare l’operazione di Lme «il 29 settembre», all’indomani dell’assemblea chiamata ad approvare l’aumento di capitale da 560 milioni. Riguarderà bond subordinati per un controvalore di 510 milioni e si articolerà in un’Ops volontaria tra i subordinati e bond senior di nuova emissione. «Contestualmente» all’Ops, Carige conferma che «lancerà un’operazione rivolta a tutti i portatori dei titoli subordinati (consent solicitation), tramite convocazione delle assemblee degli obbligazionisti al fine di deliberare, con le maggioranze qualificate, la conversione obbligatoria dei titoli oggetto della operazione (squeeze-out)». In caso di raggiungimento dei quorum assembleari saranno oggetto di conversione anche i bond subordinati degli obbligazionisti contrari all’Lme. «I termini dell’Ops e della consent solicitation» saranno definiti dal cda, che si riunirà appena terminata l’assemblea di domani.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa