Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Carige, Bpce sottoscrive il 9,9%

In attesa che in Carige arrivino «nuovi azionisti di peso», come ha detto il vice presidente della banca, Alessandro Repetto, ieri si è registrata un’importante conferma: è quella del gruppo bancario francese Bpce, che ha comunicato in mattinata l’intenzione di aderire per l’intera sua quota del 9,9% all’aumento di capitale partito ieri.
Come previsto si è trattato di una giornata intensa, che però ha visto uscire il titolo Carige quasi indenne. Dopo una partenza di scatto, che ha portato l’azione a toccare un massimo di 0,1819 euro, i titoli hanno imboccato la strada del ribasso per poi rialzare la testa in vista della chiusura: +0,86% a 0,165 euro il prezzo finale; il diritto invece, staccato a 0,2366 euro, è sceso dell’8,2% a 0,2172 euro.
Quasi 130 milioni trattati per le ordinarie, oltre 80milioni i diritti scambiati. La ricapitalizzazione – che al netto dei 35 milioni di commissioni dovute al consorzio di garanzia sarà di 765 milioni in caso di totale adesione – prevede l’emissione di quasi 8miliardi di nuove azioni al prezzo di 10 centesimi l’una, e con un rapporto di concambio di 3,72 (93 nuove azioni ogni 25 possedute). In pratica, come ha calcolato ieri Radiocor, chi ha acquistato 1000 azioni nella seduta di venerdì a 0,4002 euro l’una (spendendo 400 euro) per seguire pro-quota l’aumento (in modo da non diluirsi) deve investire 372 euro: sarà dunque di 772 euro l’impegno totale per il risparmiatore che, a fine aumento, si troverà in mano 4720 azioni a un prezzo medio di carico 0,1635 euro. Un valore di poco superiore al prezzo di chiusura di ieri. Per chi non avesse in mano titoli Carige, acquistando i diritti sul mercato al prezzo di chiusura di oggi e poi sottoscrivendo i titoli, per arrivare a detenere 4720 azioni la spesa necessaria complessiva è di 747 euro.
Tornando ai soci forti, tra i componenti del patto di sindacato degli azionisti privati di Banca Carige, che raccoglie circa il 6% del capitale, ci sarebbero alcuni pronti ad arrotondare la partecipazione: «Alcuni vogliono sottoscrivere con quote superiori» ha detto ieri sempre Repetto, sottolineando che «in questo momento abbiamo qualche elemento di alcuni pattisti che intendono sottoscrivere»; nel patto figurano la famiglia Gavio, Coop Liguria, altre grandi famiglie imprenditoriali liguri e Giovanni Berneschi. Repetto ieri ha parlato di segnali positivi per la sottoscrizione dell’aumento di capitale dalla clientela retail.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa