Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Capitalismo familiare? Fa bene agli affari»

MILANO — L’industria automobilistica rappresenta il 2% del Pil mondiale. Mezzo secolo fa, quando la manifattura pesava di più, la percentuale era più del doppio. Ma anche quel 2 è una cifra di tutto rispetto. Le principali case produttrici sono in mano a famiglie, vere dinastie che hanno trasmesso il comando da una generazione all’altra. Alcune più antiche, come Peugeot ormai all’ottava oppure Ford e Fiat alla quinta, altre più recenti come la sudcoreana Hyundai di Ju-jung Chung, che ha prodotto la prima auto solo nel 1973 e dal 2000 ha passato il comando al figlio Mong-koo.

Insomma, il capitalismo familiare fa bene agli affari. Lo ha spiegato il presidente della Fiat, John Elkann, ospite ieri alla Bocconi: «Quando grandi famiglie controllano importanti gruppi industriali, il business va molto meglio rispetto all’andamento del mercato». E ha citato a sostegno la performance delle aziende familiari negli ultimi dieci anni, che è stata migliore di quella del mercato (+133% l’indice delle società familiari a livello globale rispetto al +65% dell’indice Morgan Stanley sull’azionario mondiale). Il presidente Fiat ha sottolineato che le società a controllo familiare «tendono a essere più caute nelle decisioni e nel controllo dei costi, il che rappresenta una base migliore per far crescere l’attività e fare fronte a eventuali difficoltà». E ha demolito alcuni luoghi comuni: «le aziende familiari sono piccole»? Pensate a Luxottica, Walmart o Samsung.

Ma restando all’auto, basta pensare ai colossi tedeschi: la Bmw dei Quandt a Monaco o la Volkswagen dei Piech a Wolfsburg. E negli Stati Uniti alla Ford, con la quale gli Agnelli hanno una solida amicizia che risale agli inizi del Novecento e che è ancora viva tra John Elkann e Bill Ford jr, di cui il presidente Fiat in più occasioni ha ricordato «i consigli validissimi» e il «sostegno» al momento di decidere la sfida Chrysler (lunedì il Lingotto eserciterà la nuova opzione). Il primo incontro tra le due dinastie risale ai fondatori Giovanni Agnelli e Henry Ford, che si conobbero nel 1912 a Detroit. Un sodalizio continuato con gli eredi. Gianni Agnelli fu grande amico di Henry Ford II e Bill Ford, per arrivare all’oggi. Come ha riferito il Detroit News , John Elkann e Bill Ford jr si confrontano spesso sul management: «Abbiamo ambedue degli amministratori delegati dinamici e talentuosi», ha raccontato il presidente di Ford. Elkann anche ieri ha confermato la sintonia con il ceo di Fiat: «Con Marchionne in questi dieci anni è sorta una grande complicità dopo tante battaglie combattute assieme». Il presidente del Lingotto ha parlato anche di Rcs: «Sono molto fiducioso sul futuro di Rcs e questa è anche una delle ragioni per cui abbiamo sottoscritto l’aumento di capitale e abbiamo deciso di fare di più. Oggi Rcs è una società molto più forte di un anno fa».

Le dinastie talvolta si intrecciano ma non sempre va a buon fine. Lo scorso anno si parlò di matrimonio tra Peugeot e Fiat, ma i francesi non erano intenzionati a fare un passo indietro e non se ne fece nulla. Ora però la famiglia che controlla Psa Peugeot-Citroën avrebbe dato disponibilità a perdere il controllo nel tentativo di una integrazione con General Motors. Alti e bassi, come in tutte le dinastie.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa