Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Cancellazione limitata a poche ipotesi

Diversamente da quanto potrebbe pensarsi, i crediti si cancellano dall’attivo di bilancio solo in limitate ipotesi; diversamente, il decremento del loro valore è affidato allo stanziamento di apposito fondo. L’eliminazione è ammessa solo quando si estinguono, in tutto o in parte, i diritti contrattuali sui flussi finanziari, ovvero quando la titolarità di tali diritti viene trasferita a terzi, unitamente a tutti i rischi inerenti al credito.

L’estinzione dei diritti contrattuali si determina tipicamente in caso di pagamento, prescrizione, transazione, rinuncia al credito, rettifiche di fatturazione e ogni altro evento che fa venire meno il diritto a esigere determinati ammontari di disponibilità liquide, come per esempio una pronuncia giudiziale.

In caso di trasferimento del credito, la valutazione sull’effettivo trasferimento dei rischi deve tenere conto di tutte le clausole contrattuali previste, come per esempio gli obblighi di riacquisto, l’esistenza di commissioni, di franchigie e di penali dovute all’acquirente per il mancato pagamento del debitore principale.

Quando il credito è correttamente cancellato dal bilancio, la differenza tra corrispettivo e valore contabile del credito al momento della cessione è rilevata come perdita su crediti da iscriversi alla voce B14 del conto economico, salvo che il contratto non consenta di individuare componenti economiche di diversa natura, anche finanziaria.

Diversamente, se la cessione del credito non è associata al trasferimento sostanziale di tutti i rischi, la posta rimane iscritta nell’attivo e dovrà essere oggetto di valutazione con le regole usuali. Ove si sia ricevuta una anticipazione di una parte del corrispettivo da parte del cessionario, la stessa verrà iscritta in una posta di debito di natura finanziaria.

Nelle cessioni che non comportano la cancellazione del credito dal bilancio, i costi dell’operazione sono, di norma, riflessi in interessi e commissioni da corrispondere al cessionario che trovano separata rilevazione nel conto economico in base alla loro natura.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa