Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Cancellate mille imprese al giorno»

Nonostante la crisi, nel 2012 sono nate 383 mila nuove imprese, 7.427 in meno dell’anno precedente. Contestualmente hanno chiuso i battenti 364 mila imprese, circa mille al giorno, ben 24 mila più del 2011. Il saldo tra aziende nate e scomparse resta dunque positivo per quasi 19 mila imprese ma l’anno appena chiuso si rivela come uno dei peggiori degli ultimi dieci anni. A pagare il conto più salato è il Nord che, a parte la Lombardia, ha perso in tutto 6.600 imprese, quasi tutte concentrate nel Nord-Est. La fotografia ufficiale del mondo imprenditoriale l’ha fornita ieri InfoCamere, la società di informatica delle Camere di Commercio italiane. Si restringe ulteriormente (-6.515 imprese) il tessuto imprenditoriale dell’industria manifatturiera, trascinato dalla forte contrazione dell’artigianato, che chiude l’anno con 20.319 imprese in meno; quello delle costruzioni (-7.427) e dell’agricoltura (-16.791).
Le imprese che vanno in controtendenza sono quelle create dai giovani under 35, immigrati e donne, con attività nel turismo, commercio e nei servizi alle imprese e alle persone. «In questi anni — ha detto il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello — le imprese italiane hanno fatto letteralmente dei miracoli per restare sul mercato. In tante, anche in assenza di vere politiche di sostegno, sono addirittura riuscite a migliorare le proprie posizioni e a rafforzarsi. Ma molte di più non ce l’hanno fatta e, con loro, si sono persi migliaia di posti di lavoro». L’Istat ha confermato il quadro cupo del mercato certificando che a novembre le vendite al dettaglio del commercio sono calate del 3,1% rispetto a un anno prima, con gli alimentari a meno 2% e gli altri settori a meno 3,7%.
I dati diffusi da InfoCamere contrastano non poco con quelli forniti l’altro giorno da Rete Imprese Italia che erano ben peggiori. Secondo il cartello delle 5 associazioni nei primi nove mesi del 2012 il saldo tra aziende nate e chiuse è stato negativo per quasi 70.
Preoccupata la Confcommercio il cui ufficio studi prevede un calo effettivo del 4% se calcolato al netto dell’inflazione. «I consumi sono in profondo rosso». «Le cifre Istat dimostrano ancora una volta come la crisi dei consumi sia profonda e come sia lontana un’inversione di tendenza». «Il ridimensionamento degli acquisti — si legge nella nota Confcommercio — coinvolge in modo diffuso i diversi formati distributivi, con punte particolarmente gravi per la piccola distribuzione». L’abbigliamento, le calzature e i mobili, che attivano buona parte della produzione nazionale, mostrano profondi arretramenti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa