Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Calenda attacca la Consob “Errori gravi su Etruria” Vegas: “Accuse infondate”

Pochi giorni dopo le critiche del viceministro per l’economia Enrico Zanetti. Che a stretto giro – ieri – è tornato sul punto: «Bene il ministro Calenda su Consob. Adesso siamo in due nel governo a dire in modo esplicito che ci sono stati errori e goffe autoassoluzioni. Il punto è capire se basta o dobbiamo diventare tre, quattro o cinque. Non credo sarà un problema, ma sarebbe opportuno risparmiarlo all’istituzione». Stretto all’angolo, Vegas ha controbattuto: «Prendo atto delle pressioni politiche esercitate nei miei confronti da alcuni esponenti di governo. Prendono le mosse da ricostruzioni mediatiche infondate, alle quali ho già replicato». L’oggetto del contendere è la tutela dei risparmiatori, perfettibile secondo tutte le associazioni dei consumatori, l’opposizione dei Cinquestelle e ampie fasce della maggioranza. Le critiche maggiori sono arrivate dallo scorso novembre, quando il dissesto di quattro banche ha azzerato 788 milioni di bond subordinati; e sull’eliminazione dei cosiddetti “scenari probabilistici”, che usando il metodo matematico delle stesse banche prezzano le chance di guadagnare o perdere di singoli investimenti. «Il Parlamento ha voluto l’autorità indipendente fin dal 1974», ha aggiunto, Vegas, ricordando poi che «il legislatore, ad oggi, ha fatto una scelta opposta rispetto a quella dello spoils system», per cui quando cambia un governo si cambiano i funzionari. «Consob risponde pienamente del proprio operato, come sempre, attraverso la Relazione annuale al Parlamento e anche in sede giudiziaria. Tutti i suoi atti sono pubblici, motivati e appellabili ». Il presidente ha concluso la nota richiamando «i fini istituzionali, fissati dalle norme nazionali ed europee».
La mossa di Vegas è giudicata abile dagli addetti ai lavori, perché sposta dal merito alla forma la questione. Ma di merito, correttezza tecnica e giuridica delle sue scelte, si discuterà nel plenum della Commissione ad horas. E dietro le quinte i commissari, che hanno già lasciato solo Vegas settimana scorsa nella nota di difesa dalle accuse di Report, sembrano divisi sull’operato dell’ex parlamentare Pdl.

Andrea Greco

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa