Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Calenda, Alitalia privata

Alitalia è e deve rimanere una compagnia privata: lo ha detto il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, rispondendo a un’interrogazione sul possibile ingresso statale nel capitale del vettore. «L’impatto per il bilancio dello stato deve essere ridotto al minimo indispensabile: ciò non solo per rispettare le regole europee, ma soprattutto perché abbiamo numerose evidenze di quali siano stati in passato i risultati anche della gestione pubblica e i costi conseguenti sostenuti dai contribuenti italiani negli ultimi decenni per sostenerla». Calenda ha ribadito che il taglio dei costi, «necessario per avere i conti in equilibrio, non può scaricarsi solo sul personale, ma deve riguardare l’intero perimetro della gestione».

Intanto hanno preso il via i tavoli tecnici fra l’azienda e i sindacati, che si svolgeranno questa settimana e la prossima nella sede del ministero. Sono previsti cinque incontri, fino al 31 marzo, con l’obiettivo di arrivare a un accordo che l’a.d. Cramer Ball definisce «fondamentale». Agli appuntamenti del 27 e del 30 marzo parteciperanno anche i ministri Calenda, quello dei trasporti, Graziano Delrio, e del lavoro, Giuliano Poletti. Per questo pomeriggio è inoltre fissato un incontro tra il governo e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. L’obiettivo è arrivare a un approfondimento sul piano entro la fine della settimana, così che nella prossima si passi alla trattativa vera e propria.

Ball ha precisato che sono 14, e non 8 come precedentemente comunicato, gli aerei di lungo raggio che entreranno nella flotta nell’arco del piano 2017-2021. «È stato un incontro costruttivo, i sindacati ci hanno fatto molte domande e noi abbiamo dato più informazioni». I sindacati hanno chiesto chiarimenti sui conti 2016 della compagnia. I rappresentanti di Alitalia hanno spiegato che fino a un anno fa i numeri erano in linea con le previsioni. Poi, dopo gli attentati di Bruxelles, Alitalia ha dovuto abbassare i prezzi per allinearsi a quanto fatto dai vettori low cost, e questo ha portato a un calo dei ricavi, accentuato dal fallito golpe in Turchia.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa